Amalfi, esenzione per il pagamento della mensa scolastica: come presentare la domanda

Le domande vanno presentate entro il 25 ottobre 2019, compilando l’apposito modello disponibile online all’Albo Pretorio del Comune o in cartaceo all’ufficio scuola e politiche sociali del Comune, allegando il modello ISEE 2019

Il sindaco Milano e la consigliera Gargano

Anche quest'anno l'Amministrazione Comunale di Amalfi, guidata dal sindaco Daniele Milano, ha promosso l'esenzione totale dal pagamento della mensa scolastica per le famiglie meno abbienti. Entro il 25 ottobre 2019, possono essere inviate al Comune di Amalfi le domande di partecipazione all’avviso pubblico che mette in assegnazione i 70 pasti gratuiti previsti dal capitolato d’appalto del servizio.

Le domande

Le domande vanno presentate entro il 25 ottobre 2019, compilando l’apposito modello disponibile online all’Albo Pretorio del Comune o in cartaceo all’ufficio scuola e politiche sociali del Comune, allegando il modello ISEE 2019 e copia del documento del richiedente. La domanda può essere presentata a mano all’ufficio protocollo del Comune o via pec all’indirizzo amalfi@asmepec.it. La graduatoria, valida per tutto l’anno scolastico 2019/2020, sarà elaborata tenendo conto dei valori Isee, partendo dai più bassi. All’interno del singolo nucleo familiare gli alunni saranno classificati dalle classi d’istruzione superiori a quelle inferiori. Agli alunni saranno attribuiti punteggi ponderati, in ragione del ciclo di istruzione frequentato (1 per alunni iscritti alla Scuola dell’Infanzia; 0,2 per alunni iscritti alla Scuola Primaria; 0,4 per alunni iscritti alla Scuola Secondaria di I° grado). A parità di ISEE saranno riconosciute le seguenti priorità: nucleo familiare con alunno diversamente abile o in condizione di gravità accertata e certificata dal competente Distretto Sanitario e maggior numero di familiari a carico; ordine cronologico di presentazione delle istanze al Protocollo Generale dell’Ente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I commenti

La consigliera delegata alla scuola Francesca Gargano ha spiegato: "Così come accaduto per gli anni passati, vengono attuate le buone pratiche previste da un capitolato che abbiamo tratteggiato in base ad una grande sensibilità verso i bambini ed una forte attenzione al sociale. Non a caso, oltre ad imporre prodotti di alta qualità, con certificazione biologica e di provenienza locale, abbiamo per l’appunto previsto una quota di pasti da destinare al sostegno delle famiglie economicamente meno forti, per le quali la refezione scolastica per i figli inciderebbe sul bilancio". Soddisfatto anche il sindaco Daniele Milano che ha commentato: "Al mondo della scuola abbiamo sempre dedicato grande attenzione e importanti risorse sin dal nostro insediamento, pensando non solo alla riqualificazione delle strutture, ma anche a fornire servizi di qualità. Abbiamo conservato iniziative a sostegno delle famiglie e del diritto allo studio, come il rimborso del trasporto pubblico per gli studenti e ne abbiamo attivate di nuove come i corsi di teatro e l’importantissima educativa scolastica specializzata, destinata al supporto degli alunni con bisogni speciali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

  • Mare con schiuma gialla e meduse morte tra Pontecagnano e Battipaglia

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

  • Coronavirus, nuovi 10 contagi in Campania: il bollettino

Torna su
SalernoToday è in caricamento