Viaggio in carrozzina da nord a sud dell'Italia, Paolo fa tappa anche a Salerno

Paolo: "Si può fare tutto lo stesso, non importa se si ha una disabilità. L'unica cosa che non mi riesce è prendere i barattoli dagli scaffali alti al supermercato"

C'è anche Salerno, tra le tappe di Rupp Bruno, alias Paolo, un viaggiatore che ha deciso di visitare l'Italia da Nord a Sud, senza lasciarsi scoraggiare dalla sua disabilità. I colleghi di Milanotoday, infatti, lo hanno intervistato per conoscere i dettagli dei milleduecento chilometri, 70 tappe e 60 giorni della sua impresa . L'ebanista in pensione che nonostante sia in carrozzina e abbia quasi 69 anni sta progettando una emozionante avventura, per mostrare a chi è affetto da disabilità che "si può fare tutto lo stesso" perché i limiti sono solo quelli imposti dalla nostra mente. Ecco cosa ha detto in merito al suo progetto, battezzato 'Trekking rottellando verso sud', che lo porterà dalla Brianza fino a Catania.

Il viaggio durerà dai 50 ai 60 giorni. E tutto il percorso è organizzato come se andassi a piedi. L'itinerario, che pubblicherò presto sulla mia pagina Facebook, prevede tappe da 25 chilometri, quasi tutte su strade ciclo pedonale. In ogni tappa farò sempre campeggio. A meno che in alcuni posti non ci sia: in quel caso chiederò  ospitalità nel giardino di qualcuno per posizionare la mia brandina. Il prossimo aprile partirò da Balletta Brianza e passerò per Bergamo, Peschiera del Garda, la Valle del Mincio. Poi andrò giù verso Modena, Riccione e Pescara, attraverso gli Appennini. Toccherò anche Benevento, Avellino e Salerno. Alla fine mi imbarcherò per Messina, e da lì raggiungerò la mia meta finale, Catania.

C'è un ragazzo che mi sta aiutando a elaborare la carrozzina, io ho fatto la parte di falegnameria, poi una ragazza mi ha aiutato a creare la pagina e il percorso. È una squadra giovane: io amo circondarmi di ragazzi, non di vecchi. Grazie a loro avrò a disposizione una carrozzina elettrica un po' particolare, con un enorme zaino attaccato dietro, un wc chimico dietro. Perché trovare un bagno per un disabile è sempre problematico»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vorrei ispirare gli altri a fare qualcosa di simile. Conosco molte persone con problemi come i miei che si deprimono, rinunciano a tutto, non hanno più voglia di vivere. Io invece abito da solo e riesco a essere indipendente, mi arrangio per qualsiasi cosa. Si può fare tutto lo stesso, non importa se si ha una disabilità. L'unica cosa che non mi riesce è prendere i barattoli dagli scaffali alti al supermercato. Ma per quello mi faccio aiutare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Covid-19, altri 4 casi positivi in Campania: due sono a Cava de' Tirreni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

Torna su
SalernoToday è in caricamento