Abusi edilizi Positano Salerno, sequestrato cantiere

L'operazione è stata effettuata dagli uomini della guardia di finanza e dalla polizia municipale. Quattro persone sono state denunciate all'autorità giudiziaria

Il cantiere sequestrato (foto guardia di finanza)

Un cantiere abusivo è stato sequestrato a Positano, in località via dei Mulini, dagli uomini della guardia di finanza della sezione operativa navale di Salerno, di concerto con i militari del reparto operativo aeronavale di Napoli. A renderlo noto, in un comunicato, il comando provinciale della guardia di finanza di Salerno.

I sigilli sono scattati, si legge nella nota delle fiamme gialle, "perché il proprietario di un’attività commerciale aveva in corso d’opera la realizzazione di un vano ascensore ed attiguo allo stesso aveva realizzato una volumetria abusiva, su di un’area comunale, ottenuta mediante un enorme sbancamento del terrapieno di oltre 238 metri cubi di roccia calcarea al di sotto di una via comunale".

Gli abusi edilizi, inoltre, sono stati eseguiti in un'area ricadente nel territorio del parco regionale dei Monti Lattari. Quattro persone sono state denunciate all'autorità giudiziaria per danneggiamento, deturpamento di bellezze naturali e invasione di terreno comunale, oltre alle violazioni in materia urbanistica e paesaggistica. Alle operazioni ha preso parte anche personale dell'ufficio tecnico e della polizia municipale del comune di Positano.

 

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sospetto caso di Coronavirus a Cava: bimbo al Cotugno, primi test negativi

  • Lutto a Salerno, è morta Laura Quaranta: tutti stretti attorno alla famiglia del dottor Della Monica

  • Costiera a lutto, è morto prematuramente il maresciallo Perrelli

  • Precipita con l'auto in Costiera: 51enne di Pontecagnano vivo per miracolo

  • Caso sospetto di Coronavirus a Ravello, isolato autista: chiuso il pronto soccorso

  • Coronavirus: due salernitani rientrati da Lodi si presentano al Ruggi, test negativi

Torna su
SalernoToday è in caricamento