Presunti abusi all'asilo di Coperchia: chiesto il rinvio a giudizio per 6 persone

L'insegnante è accusata di non esser stata vigile ed aver consentito gli abusi, mentre gli altri indagati sarebbero i responsabili di violenze di gruppo e foto pedopornografiche

Dopo cinque anni di indagini sull'asilo degli orrori di Coperchia, arriva la richiesta di rinvio giudizio per  i bidelli A.A. e L.A., l’impiegato 63enne A. P., la maestra F.C. e due addetti alle pulizie, D.L e A. R.. Come riporta La Città, riflettori nuovamente puntati sugli episodi di violenza subiti dai bimbi nell'istituto per l’infanzia nell’anno scolastico 2009-2010: l’insegnante è accusata di non esser stata vigile ed aver consentito gli abusi, mentre gli altri indagati sarebbero i responsabili di violenze di gruppo e foto pedopornografiche.

Almeno sette le piccole vittime che ora potranno costituirsi parte civile tramite i genitori. All’epoca delle presunte violenze i bimbi avevano tra i quattro e i cinque anni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Fonderie Pisano, nuove verifiche: non tutti i morti colpiti dai veleni

    • Cronaca

      Pellezzano, auto rischia di precipitare in un dirupo: salvato il conducente

    • Cronaca

      Battipaglia, negozio con cellulari e accessori per pc non sicuri: denunciato il titolare

    • Cronaca

      Emozioni in musica ad Eboli, Ligabue infiamma il Palasele con "Made in Italy"

    I più letti della settimana

    • Terrore sul treno Napoli-Sapri: rapina i passeggeri impugnando una siringa e tira il freno

    • Torna l'ora legale, lancette spostate in avanti: ecco quando

    • Angri, si presenta in caserma ai carabinieri: "Faccio uso di droga, arrestatemi"

    • Dolore a Caggiano per la morte di padre e figlioletto, annullato il Carnevale

    • Tragico incidente a Buccino: morti un uomo e un bimbo, grave l'altro conducente

    • Bellizzi, realizzate le strisce pedonali rialzate: ecco di cosa si tratta

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento