Presunti abusi all'asilo di Coperchia: chiesto il rinvio a giudizio per 6 persone

L'insegnante è accusata di non esser stata vigile ed aver consentito gli abusi, mentre gli altri indagati sarebbero i responsabili di violenze di gruppo e foto pedopornografiche

Dopo cinque anni di indagini sull'asilo degli orrori di Coperchia, arriva la richiesta di rinvio giudizio per  i bidelli A.A. e L.A., l’impiegato 63enne A. P., la maestra F.C. e due addetti alle pulizie, D.L e A. R.. Come riporta La Città, riflettori nuovamente puntati sugli episodi di violenza subiti dai bimbi nell'istituto per l’infanzia nell’anno scolastico 2009-2010: l’insegnante è accusata di non esser stata vigile ed aver consentito gli abusi, mentre gli altri indagati sarebbero i responsabili di violenze di gruppo e foto pedopornografiche.

Almeno sette le piccole vittime che ora potranno costituirsi parte civile tramite i genitori. All’epoca delle presunte violenze i bimbi avevano tra i quattro e i cinque anni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapina armata in un supermercato a Nocera Inferiore: bottino di 30 mila euro

  • Cronaca

    Litiga col padre e minaccia di lanciarsi da un ponte a Salerno: salvato

  • Cronaca

    Scossa di terremoto tra Campania e Calabria: paura nel Golfo di Policastro

  • Politica

    Elezioni 2018/ De Luca difende suo figlio Piero: "Ecco perchè può candidarsi"

I più letti della settimana

  • Nocera Inferiore, il figlio dal carcere: "Mamma, recupera i soldi della droga"

  • Rai 1, una maestra del salernitano partecipa al programma di Paola Perego

  • Otto interventi e 6 cesarei: Antonietta dà alla luce la sua Alessia, grazie al team di Polichetti e Allegro

  • Tenta il suicidio sui binari: bloccati i treni sulla tratta Pontecagnano-Montecorvino Rovella

  • Incidente a Battipaglia: automobilista si trancia le dita della mano

  • Dramma in via Sichelgaita: professore in pensione trovato morto a casa sua

Torna su
SalernoToday è in caricamento