Presunti abusi all'asilo di Coperchia: chiesto il rinvio a giudizio per 6 persone

L'insegnante è accusata di non esser stata vigile ed aver consentito gli abusi, mentre gli altri indagati sarebbero i responsabili di violenze di gruppo e foto pedopornografiche

Dopo cinque anni di indagini sull'asilo degli orrori di Coperchia, arriva la richiesta di rinvio giudizio per  i bidelli A.A. e L.A., l’impiegato 63enne A. P., la maestra F.C. e due addetti alle pulizie, D.L e A. R.. Come riporta La Città, riflettori nuovamente puntati sugli episodi di violenza subiti dai bimbi nell'istituto per l’infanzia nell’anno scolastico 2009-2010: l’insegnante è accusata di non esser stata vigile ed aver consentito gli abusi, mentre gli altri indagati sarebbero i responsabili di violenze di gruppo e foto pedopornografiche.

Almeno sette le piccole vittime che ora potranno costituirsi parte civile tramite i genitori. All’epoca delle presunte violenze i bimbi avevano tra i quattro e i cinque anni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Spaccio di droga ed estorsioni: sei arresti tra Salerno, Napoli e la Piana del Sele

    • Incidenti stradali

      Incidente nel salernitano: code tra il raccordo e la tangenziale

    • Cronaca

      Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza: convocazione del Prefetto

    • Cronaca

      Costiera Amalfitana prigioniera del traffico, Di Martino: "Intervenga il Prefetto"

    I più letti della settimana

    • La Valle dell'Irno piange il giovane Rosario, ucciso da un brutto male

    • Dramma ad Angri, uomo si toglie la vita nel cimitero: sotto choc familiari e amici

    • Ruggi, donna muore per un'emorragia cerebrale: donati gli organi

    • Lutto nel mondo sportivo di Pontecagnano: addio al maestro Mario Pagano

    • Gioca 5 euro e ne vince 500 mila: la dea bendata bacia un operaio di Pagani

    • Ravello, sequestrata la sala ristorante con vista mare di un albergo

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento