Baronissi, giro di vite contro l'accattonaggio: fermati otto stranieri

Il commento del sindaco Valiante: "Stiamo rafforzando i controlli e valutando la possibilità di sanzioni pecuniarie per contrastare il fenomeno"

Giro di vite contro l'accattonaggio nel comune di Baronissi. Con un’operazione congiunta di vigili urbani e carabinieri hanno identificato e fermato, tra ieri e oggi, otto cittadini di origine rom dediti all'accattonaggio in strada dinanzi ai supermercati ed al mercato generale. Tutti e otto sono, ora, in attesa del foglio di via obbligatorio. "Una città civile non può tollerare intere bande dedite all’accattonaggio – afferma il sindaco Gianfranco Valiante – stiamo rafforzando i controlli e valutando la possibilità di sanzioni pecuniarie per contrastare il fenomeno. Si tratta in molti casi di gente senza scrupoli, ben organizzata, che pretende offerte di denaro e creano disturbo. Lavoriamo, grazie al lavoro coordinato tra forze dell’ordine, per una maggiore percezione di sicurezza da parte dei cittadini”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ruggi, morta l'anziana sulla carrozzina investita dallo scooter

  • Cronaca

    Neonata morsa da topo nella culla: la madre presenta denuncia al Comune di Contursi

  • Cronaca

    Dramma a Torrione, chef stroncato da malore nel bar

  • Cronaca

    Scompare per tre giorni da casa: anziano trovato morto a Campagna

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Nocera Superiore, tutti stretti attorno alla famiglia di Raffaele

  • Drammatico incidente nella notte a Nocera: morto 17enne, otto feriti di cui uno grave

  • Nocera Superiore, per la morte di Raffaele Rossi c'è un arresto per omicidio stradale

  • Suicidio in via Cacciatore: si lancia dal balcone, muore ex professore

  • Dolore a Bellizzi, addio a Pasquale Fortunato: era il titolare di "Mordo bene"

  • Omicidio a Buonabitacolo, 18enne arrestato: Antonio accoltellato per pochi grammi di droga

Torna su
SalernoToday è in caricamento