Gestione servizi idrici, la raccolta firme di Legambiente Salerno

Ad un anno esatto dal referendum con il quale gli italiani hanno deciso che l'acqua è pubblica, fioccano le iniziative in città

Gianluca De Martino

Ad un anno esatto dal referendum con il quale gli italiani hanno deciso che l'acqua è pubblica, Salerno si mobilita per ricordare alle istituzioni che il bene più prezioso per le popolazioni della Terra è pubblico per volontà dei cittadini e tale deve restare. In diversi punti della città Legambiente Salerno organizza, oggi, una raccolta firme per una petizione popolare per chiedere all'amministrazione comunale di Salerno di avanzare al governo Monti la richiesta di esonerare la gestione dei servizi pubblici essenziali (tra i quali, appunto, le risorse idriche) dal patto di stabilità. Legambiente chiede inoltre che la Cassa depositi e prestiti torni al suo scopo originario di fare prestiti a tassi agevolati agli enti per la gestione di questi servizi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

Torna su
SalernoToday è in caricamento