Aggressione ai calciatori dell'Ebolitana durante l'allenamento: tre feriti

Il deprecabile episodio si è verificato allo stadio Dirceu, durante l'allenamento della squadra. Indagano i carabinieri

Un pomeriggio di vera e propria follia quello che si è registrato allo stadio Dirceu di Eboli: un gruppo di tifosi, non è chiaro se ultras o meno dell'Ebolitana, hanno aggredito i giocatori durante l'allenamento e hanno messo a soqquadro gli spogliatoi e la sala stampa. Tre tesserati della squadra eburina sono rimasti feriti e soccorsi in ospedale con prognosi tra i 5 e i 10 giorni.

Qualche calciatore, riferisce l'ANSA, sarebbe addirittura svenuto. Stando a quanto si è appreso Nigro e il preparatore dei portieri Corcione avrebbero riportato ferite alla testa, contusione allo zigomo per Corsino. Sul posto si sono recati i carabinieri della compagnia di Eboli (agli ordini del capitano Alessandro Cisternino) che indagano sulla vicenda.

Al Dirceu si è recato anche il sindaco ebolitano Martino Melchionda, impegnato a garantire un futuro alla società calcistica che per la prima volta disputa un campionato professionistico in Lega Pro, precisamente in Seconda Divisione. I carabinieri indagano sui motivi dell'aggressione, ma non è escluso che la follia dei "tifosi" sia stata causata dai risultati non entusiasmanti della squadra, che nell'ultima gara disputata è stata sconfitta con un tennistico 6 a 1 proprio al Dirceu dal Gavorrano.

IL VIDEO: SPOGLIATOI DEVASTATI

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente sulla Cilentana, muore anche la 17enne di Albanella

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento