"Muri d'Autore" a Le Fornelle: aggredito Pino Roscigno, rovinata anche un'opera

Fondazione Gatto: "Chiediamo a tutti di condannare questo gesto incivile che ci lascia senza parole e che colpisce un progetto e una persona che è un esempio di onestà, abnegazione al lavoro e gentilezza"

Una delle opere (foto di Capuano)

Choc nel rione fornelle, nella sera del 22 dicembre: un curatore di mostre nonchè dipendente dello stato, in compagnia del figlio, ha aggredito fisicamente e verbalmente Pino Roscigno, alias GreenPino, che era lì come ogni giorno al lavorare al progetto Muri d'Autore, per la riqualificazione dello storico quartiere.

Come si legge in una nota stampa divulgata dalla Fondazione Alfonso Gatto, secondo l'aggressore, Roscigno sarebbe colpevole di aver cancellato il murales del personaggio in questione, murales non concordato e del tutto abusivo, non in linea con le finalità della manifestazione. L'uomo ha anche rovinato l'opera del salernitano Mauro Trotta, una delle più belle. "Siamo stanchi di questi violenti prevaricatori, stanchi di queste piccole beghe consortili attuate da questi ometti, senza titoli e senza capacità, buoni a citare Pier Paolo Pasolini per proprio tornaconto comportandosi nei fatti come i peggiori squadristi. - scrivono dalla Fondazione Gatto- Chiediamo a tutti di condannare questo gesto incivile che ci lascia senza parole e che colpisce un progetto e una persona che è un esempio di onestà, abnegazione al lavoro e gentilezza".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

Torna su
SalernoToday è in caricamento