Mareggiate ad Agropoli, plastica e altri rifiuti sulla spiaggia: inizia la pulizia

E' stata disposta la pulizia dell’intero tratto di arenile di competenza del Comune per evitare che i rifiuti potessero, con una successiva mareggiata, essere riportati in mare

I rifiuti

Le mareggiate degli ultimi giorni, avevano riportato nuovamente plastica e altri rifiuti sulla spiaggia compresa tra torre San Marco e foce Solofrone ad Agropoli.

La pulizia

Come accaduto nelle scorse settimane è stata disposta la pulizia dell’intero tratto di arenile di competenza del Comune per evitare che tali rifiuti potessero, con una successiva mareggiata, essere riportati in mare, con le conseguenze immaginabili in termini di inquinamento e non solo. La situazione viene tenuta monitorata costantemente dal sindaco Adamo Coppola, dal vicesindaco e assessore all’Ambiente Elvira Serra e dall’assessore al Porto e Demanio Eugenio Benevento

Il commento del sindaco:

“ La nostra attenzione alle spiagge e al nostro mare è massima. Certo, a causa delle mareggiate continue diventa più complicato garantire la pulizia delle spiagge nel periodo autunnale-invernale, ma dobbiamo intervenire, in maniera categorica, quando queste portano a riva materiale inquinante. Un grazie va agli operai della Sarim, che hanno raccolto circa 80 sacchi di materiale che si era riversato negli ultimi giorni sull’arenile, nei pressi del lido Venere. Il mare è il nostro tesoro più prezioso, custodiamolo e rispettiamolo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento