Angri, viola la Ztl ma rifiuta la multa e schiaffeggia un vigile

Bloccato perchè entrò in una Ztl, l'uomo si rifiutò di farsi identificare, schiaffeggiando una vigilessa. «Lei non sa chi sono io, o meglio, se non lo sa glielo dico». Queste le parole pronunciate da un 55enne, ora atteso dal processo

Bloccato perchè entrò in una Ztl, si rifiutò di farsi identificare, scihaffeggiando una vigilessa. «Lei non sa chi sono io, o meglio, se non lo sa glielo dico». Queste le parole di G.N. , 55enne già noto alle forze dell'ordine, protagonista di un episodio che gli è costato un rinvio a giudizio da parte della Procura di Nocera Inferiore, avallato di recente dal gup. Era gennaio 2012, quando l'uomo pretese di sfuggire a un controllo e alla contestuale multa da parte dei vigili urbani ad Angri. Fu denunciato per minacce, resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di indicazioni delle proprie generalità. Di fronte alla prospettiva di una multa per aver violato l'ingresso di una zona a traffico limitato, l'uomo disse ai vigili di essere un dipendente comunale: «Non puoi farmi la multa», disse all'agente . Ma quando lo stesso provò a rilevare i dettagli dell'auto per il verbale, il 55enne scese dall'auto e colpì la vigilessa con uno schiaffo in volto, facendola finire al suolo. E lanciando via il blocchetto delle multe. L'uomo fu arrestato dai colleghi della donna, poi denunciato a piede libero. Ora lo attende il processo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus a Cava de' Tirreni, morto luogotenente dei carabinieri

  • Covid-19: situazione drammatica al Ruggi, anziana in gravissime condizioni

  • Covid-19: altri 3 contagi a San Mango, nuovi casi a San Severino, Sarno, Vibonati e Nocera

  • Covid-19: contagi in diminuzione in Campania, l'analisi dei dati

  • Covid-19: in Campania 2.677 contagi, 8 nuovi positivi a Salerno città

  • Covid-19 a Cava, lo sfogo di Carla De Pisapia: "Mio padre è morto e devono ancora farmi il tampone"

Torna su
SalernoToday è in caricamento