Evacuazione a Battipaglia, il prefetto Russo: "Città sotto controllo, tutto regolare"

Il capo della Prefettura di Salerno invita la cittadinanza a vivere queste ore con tranquillità: "Diamo serenità ai nostri operatori e loro lo faranno nel modo migliore e nel più breve tempo possibile"

Il prefetto Russo

"C'è stata una buona risposta. C'è una presenza cospicua di forze dell'ordine: la città è estremamente controllata. Abbiamo fatto una verifica e abbiamo potuto accertare che le operazioni vanno come le avevamo previste". Sono partite con il piede giusto le operazioni di evacuazione della popolazione di Battipaglia per consentire il disinnesco dell'ordigno bellico risalente alla Seconda Guerra Mondiale rinvenuto, nei giorni scorsi, in località Spineta. Soddisfatto il Prefetto di di Salerno Francesco Russo: "Non c'è stato nessun disagio particolare, anzi voglio sottolineare un'operazione importante: portare nella scuola tutti coloro che sono allettati. Sono 84, quindi un bel numero ed è stato un ulteriore grande sforzo da parte dell'Azienda sanitaria. La partenza di stamattina così positiva e propositiva, con questi impegni e anche con una buona partecipazione da parte dei cittadini, determina che c'è serenità nell'affrontare questa problematica". 

Le rassicurazioni

Il Prefetto ha invitato tutta la cittadinanza alla serenità: "Il momento più importante è quello di disinnesco della bomba. Diamo serenità ai nostri operatori e loro lo faranno nel modo migliore e nel più breve tempo possibile. Sui tempi tecnici, però, non sono in grado di indicarli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Suicidio all'Unisa, il cordoglio di Loia: in arrivo tre psicologi per gli studenti

  • Gelo a Ricigliano, il parroco ai fedeli: "Celebro la messa a casa vostra"

  • Contursi Terme piange Mumù, il sindaco dei cani

Torna su
SalernoToday è in caricamento