Bomba a Battipaglia, evacuati 36mila residenti: scatta l'operazione di disinnesco

Millecento uomini tra forze dell'ordine e volontari sono impegnati nel piano di evacuazione. Nella struttura allestita in via Rosa Jemma sono arrivate, soprattutto con le navette allestite dal Comune, centinaia di persone, tra cui diversi bambini

La città è blindata (Foto Vincenzo Cesaro-Facebook))

E' scattato alle 5 in punto il piano di evacuazione a Battipaglia per il disinnesco di un ordigno bellico risalente alle seconda guerra mondiale. Sono in totale 36.177 le persone (19.995 famiglie) che costrette a lasciare la propria abitazione. I mezzi della protezione civile regionale stanno passando al setaccio la zona rossa (estesa per un raggio di 1600 metri dal punto di ritrovamento della bomba), annunciando con gli altoparlanti che "l'evacuazione è in corso, i cittadini devono lasciare le abitazioni". Le forze dell'ordine stanno presidiando i varchi di chiusura, impedendo l'accesso a chiunque. Decine di ambulanze di associazioni di volontariato stanno, invece, provvedendo a recuperare e trasportare nei centri di accoglienza i pazienti allettati.

L’accoglienza

Nella struttura allestita in via Rosa Jemma sono arrivate, soprattutto con le navette allestite dal Comune, centinaia di persone, tra cui diversi bambini. Anche una donna incinta, accompagnata dal marito e dai due figli piccoli, ha scelto di essere ospitata nei locali dell'istituto scolastico “Ferrari”. Molte famiglie hanno portato con sè anche il proprio animale domestico (cani e gatti) in quanto il centro èadibito pure all'accoglienza degli amici a quattro zampe. I volontari della protezione civile stanno servendo la colazione (latte e biscotti) offerta dalla Centrale del Latte.

La viabilità

Alle 5.30 è scattata anche la chiusura delle rampe di uscita dello svincolo autostradale di Battipaglia. Alle 9,30 sono state completamente chiuse anche le rampe d'ingresso in A2. Saranno, inoltre, interrotte la circolazione sulla SS18 "Tirrenia Inferiore" (tra i km 71,800 e 76,800) e quella ferroviaria (linea Salerno-Reggio Calabria e linea Battipaglia-Potenza-Metaponto).

La sicurezza

Millecento uomini tra forze dell'ordine e volontari sono impegnati nel piano di evacuazione. Circa 100 uomini (29 squadre) della Protezione Civile della Regione Campania, stanno invitando la popolazione a lasciare le abitazioni, mentre altri 400 volontari sono impegnati a monitorare i varchi e ad assistere la cittadinanza presso i centri di accoglienza. Un importante spiegamento di forze di polizia sta monitorando le attività: 320 uomini della Polizia di Stato, 130 carabinieri, 80 unità della Guardia di Finanza e circa 70 uomini delle Polizie Municipali e della Polizia Provinciale. Al momento - fa sapere la Prefettura di Salerno - non si registrano problemi di viabilità.

Il viaggio tra gli evacuati

Parla il Prefetto Russo

Muore un'anziana

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La prof fa l'appello e viene sbeffeggiata dagli studenti: il caso a Salerno

  • Docente in difficoltà sbeffeggiata dagli alunni, un genitore alla nostra redazione: "Ha fatto tutto da sola"

  • Incidente a Salerno, perde il controllo della moto e cade: morto 16enne

  • Scontro tra auto e bici, muore Marco Aliberti: Baronissi a lutto

  • Incidente in via Croce, muore il giovane Vittorio Senatore: Cetara a lutto

  • Salerno, alunni vessati in classe: docente allontanata dalla scuola

Torna su
SalernoToday è in caricamento