Nasce la nuova "Polisportiva Brignanese": ecco le prime attività

Il vice presidente Massimo Ronca insieme ai ragazzi ha in cantiere una serie di iniziative volte a migliorare la qualità di vita nel quartiere di Salerno

I ragazzi della Polisportiva Brignanese

Nasce a Brignano la nuova Polisportiva Brignanese, sulle orme e sui valori della vecchia gestione. “Il nuovo consiglio di amministrazione, composto da giovani, sta gia’ lavorando per migliorare il sevizio al rione collinare di Brignano Casa Manzo” racconta il vice presidente Massimo Ronca.

I progetti

Ronca insieme ai ragazzi ha in cantiere una serie di iniziative. “La nostra sfida - spiega - è quella di migliorare la nostra vita di rione, cercando di fare aggregazione con i giovani, con le famiglie, con anziani, affinchè la comunità possa sentirsi coinvolta in progetti per il sociale, ma soprattutto migliorando gli spazi concessi dall’amministrazione comunale di Salerno, che in passato sono stati fulcro di aggregazione e che da tempo erano stati lasciati allo sbando a causa di cantieri edili adiacenti, che ne avevano compromesso l’agibilità. Ovviamente queste aree , tra cui l’impianto sportivo Aniello Manzo eretto in memoria proprio di uno dei soci fondatori, era stato preso di mira da vandali, tossicodipendenti che ne avevano fatto la loro casa, degradando il suo contenuto , come il parco giochi per i bambini del rione, completamente danneggiato e la sua funzionalità al punto che  le famiglie di Brignano Casa Manzo avevano cessato ovviamente di frequentarlo”.

Non solo. Il nuovo consiglio di amministrazione, raccontano Massimo Ronca e Marina Manzo,  in soli 20 giorni, con l’aiuto di circa 60 giovani del posto, si è adoperato con senso civico e olio di gomito per  rigenerare l’impianto sportivo tagliando rovi sterpaglie, sanificando l’ambiente, ritinteggiando le parti metalliche arrugginite, come cancelli e ringhiere di sostegno e mettendolo in sicurezza. “Il prossimo passo, già in buono stato di avanzamento, grazie all’aiuto economico di alcuni residenti, e’ quello di completarlo con il parco giochi per i bambini che sarà eseguito e concepito  con i migliori materiali e ingrandendolo visto l’aumento demografico esponenziale che sta vivendo tutto il quartiere di Brignano Casa Manzo”. I promotori fanno sapere che “la cittadinanza  ha accolto con molto entusiasmo questa sfida a salvaguardia degli egli spazi generosamente concessi dal Comune di Salerno nonostante le pressioni esterni di privati che vorrebbero occuparlo”.  Per la presidente Manzo “c’è molto da lavorare, ma con l’entusiasmo generato dai residenti che hanno sposato la nostra e la loro causa, arriveremo in fondo dimostrando di essere una comunità compatta, ripagando la fiducia del Comune di Salerno , rendendo queste strutture vive, con un nuovo volto e con percentuali altissime di aggregazione giovanile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ceraso e Montano Antilia: stop a eventi e chiusura dei negozi

  • Coronavirus: nuove indicazioni ministeriali in Campania, parlano i sindaci salernitani

  • "Non comunicano i loro rientri dal Nord": la denuncia dei salernitani e l'appello di un cittadino "autoisolato"

  • Lutto a Salerno, è morta Laura Quaranta: tutti stretti attorno alla famiglia del dottor Della Monica

  • Malore per una ragazza asiatica a Salerno, tensione nei pressi del Vestuti

  • Sospetto caso di Coronavirus a Cava: bimbo al Cotugno, primi test negativi

Torna su
SalernoToday è in caricamento