Made in Italy e street food si fondono: nasce il "Caciobab", con l'oro bianco di Sassano

A produrlo, l'azienda KeCacio, al fine di esaltare le tipicità del territorio, proponendo anche deliziose varianti

Caciobab - foto Facebook

Il made in Salerno si fonde con lo street food per dar vita al Caciobab, il primo kebab preparato con il caciocavallo di Sassano, a forma di kebab, pronto per essere gustato. A produrlo, l'azienda KeCacio, al fine di esaltare le tipicità del territorio, anche grazie al “Caciopan di Nonno Rocco”, un gustoso pane/pizzo che conserva antiche procedure di lavorazione, con farine locali e completamente lavorato a mano. Quattro le varianti del caciobab: classico, con la pancetta, con i peperoni cruschi e con il salame.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Espressione della sintesi delle diverse culture dei popoli del Mediterraneo, tradizione dell'arte casearia del Made in Italy e food design, “il caciobab”, nasce da un’idea sviluppata nell’estate 2015, durante un viaggio di Angelo Ricciardone, ricercatore di professione, e Sara Calandriello, grande appassionata di cucina. Il marchio è frutto della fusione del prefisso “Ke”, legato alla parola Kebab, e “Cacio” con riferimento al Caciocavallo. Una bontà da provare. Info: Caciobab.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Sarno si sveglia in lacrime: muore Michele, 38enne ricoverato al Ruggi

  • "Alimenti scaduti nel mio pacco": il direttore del Banco Alimentare risponde alla mamma di Pontecagnano

  • Covid-19, sospende il pagamento dell'affitto per gli inquilini in difficoltà: il bel gesto di una cittadina di Baronissi

  • Coronavirus: 1° contagio a San Mango e nuovo caso a San Severino, i nomi dei pazienti

  • Coronavirus: nuovi contagi a Baronissi e a San Valentino Torio, Valiante dà il nome

  • Coronavirus a Cava, contagiato medico di base: l'appello di Servalli ai pazienti

Torna su
SalernoToday è in caricamento