menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Scommesse illegali in Romania: nei guai l'ex bomber granata Pisano

A fare il suo nome è stato un giovane calciatore, Madalin Livan, che ha denunciato una serie di irregolarità su alcune partite giocate negli anni scorsi

Foto Wikipedia

Finisce nei guai Giovanni Pisano, l’ex calciatore della Salernitana e successivamente tecnico delle giovanili granata, che da due anni vive e lavora in Romania, il quale sarebbe finito al centro di uno scandalo su presunte illegalità commesse dalla Fc Caransebes 1913. A fare il nome di Pisano è stato un giovane giocatore locale di 19 anni, Madalin Livan, secondo il quale l’ex bomber granata avrebbe esortato i calciatori a perdere una gara perché lui avrebbe scommesso “molti, molti soldi”. Ma quella partita è poi invece finita 1-1. In seguito a questa denuncia, i dirigenti avrebbero deciso di ritirare il sostegno finanziario alla squadra. 

Livan rivendica su Facebook la sua decisione di denunciare pubblicamente l’accaduto: “Io per primo sono orgoglioso di quello che ho fatto, dovevo denunciare. Un allenatore ha fatto il lavoro proponendo di truccare la partita, poi ci ha lasciato con le tasche vuote e con molte promesse non mantenute. In secondo luogo noi giocatori ci siamo rifiutati di perdere 3-0 come ci hanno detto al primo tempo di FC Unirea Caransebes-Tarlungeni anche se l’allenatore Giovanni Pisano ci ha minacciato dicendoci che se non facevamo così, avendo scommesso “molti, molti soldi” non avrebbe ricevuto i soldi e il club si sarebbe sciolto. La partita si è conclusa 1-1 e potevamo anche vincere negli ultimi minuti. Noi giocatori non riceviamo lo stipendio da 3-4 mesi, alcuni anche di più. Alcuni dei miei colleghi hanno famiglia a casa, i bambini che hanno bisogno di un pasto caldo, arrivano le vacanze, e noi siamo con le tasche vuote”. 
 
Pisano ora non fa più il tecnico ma sarebbe indagato dalla locale polizia sportiva
 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Donna muore durante un matrimonio: sospesa la campagna elettorale

    • Sport

      24-05-1999: il giorno del dolore che Salerno non dimenticherà mai

    • Cronaca

      Vip in Costiera, Moggi e Fico "paparazzati" a largo di Cetara

    • Cronaca

      Tutti pazzi per l'arepa, spunta un angolo di Venezuela in via Mercanti

    Torna su