Ambulanze in festa per Alfieri a Capaccio, blitz dei carabinieri nelle sedi di "Croce Azzurra"

Le forze dell'ordine hanno fatto visita sia alla sede ubicata nella città dei templi che a quella di Agropoli passando al setaccio le autorizzazioni e le concessioni dell'organizzazione

Dopo i festeggiamenti di domenica notte, al termine dello scrutinio delle elezioni amministrative, i carabinieri della compagnia di Agropoli, insieme ai militari del Nas di Salerno, stanno effettuando dei controlli nei confronti della "Croce Azzurra", la onlus che gestisce le ambulanze utilizzate proprio per festeggiare l'elezione del nuovo sindaco Franco Alfieri.

I controlli

I militari dell'Arma, a partire da questa mattina, hanno fatto visita sia alla sede ubicata nella città dei templi che a quella di Agropoli passando al setaccio le autorizzazioni e le concessioni dell'organizzazione.  In particolare i militari guidati dal capitano Francesco Manna hanno identificato i cinque autisti che erano alla guida dei mezzi di soccorso durante i festeggiamenti, contravvenzionandoli per l'uso improprio dei segnali acustici. Ma gli accertamenti dei carabinieri sono ancora in corso al fine di verificare se le ambulanze utilizzate per la 'sfilata' tra le strade di Capaccio Paestum fossero quelle convenzionate con l'Asl o meno. Gli uomini del Nas, invece, hanno effettuato dei controlli sanitari sulle ambulanze, al termine dei quali sarebbe emersa la mancanza di alcuni presidi all'interno di uno dei mezzi di soccorso. Circostanza che potrebbe far scattare la richiesta di sospensione dell'autorizzazione al Comune di Capaccio Paestum e della convenzione all'Asl di Salerno. Le multe, invece, sono scattate per uso improprio del dispositivo acustico e del lampeggiante.  

La polemica

Il caso era stato sollevato all'indomani del turno di ballottaggio dal consigliere regionale del M5S, Michele Cammarano che, con il supporto di alcuni video pubblicati in rete, aveva denunciato la sfilata delle ambulanze, sollevando anche sospetti sull'imprenditore a cui sono riconducibili i mezzi di soccorso utilizzati per la sfilata. Alfieri, che si e' insediato oggi, aveva preso subito le distanze dall'episodio, definendolo "grave e sicuramente di cattivo gusto".

La proposta di Amatruda:

“C’è qualcosa di grave sull’episodio di Capaccio che ancora deve essere valutato. I riflettori non si devono spegnere. La vicenda delle ambulanze che festeggiano il nuovo Sindaco, Franco Alfieri, non va derubricata ad una circostanza di malcostume. Non può passare in cavalleria”. Così Gaetano Amatruda dell’Associazione ‘Andare Avanti’.
“È atto vergognoso che racconta - sottolinea- un metodo, è la naturale sintonia con la politica delle ‘fritture di pesce’ ed è logica che va interrotta.  È la clientela che costruisce consenso”. “Alfieri - rilancia Amatruda - non si limiti al ‘non sapevo, non ero lì’ e De Luca non faccia finta di nulla. Il tema è altro ed è serio. Chi utilizza così le ambulanze è inadeguato, chi è inadeguato e sprovveduto non può dedicarsi al compito delicato del trasporto di ammalati. Alfieri, primo cittadino di Capaccio, e De Luca, Presidente della Regione Campania, spieghino quali sono le attività di queste ambulanze, quale servizio garantiscono, e mettano in campo tutti gli atti per ritirare ed annullare eventuali accordi con il pubblico”.
“Si spieghino, poi, i legami con chi gestisce le pompe funebri. La legge pone paletti chiari che è inutile eludere ‘giocando’ in famiglia” conclude. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La prof fa l'appello e viene sbeffeggiata dagli studenti: il caso a Salerno

  • Docente in difficoltà sbeffeggiata dagli alunni, un genitore alla nostra redazione: "Ha fatto tutto da sola"

  • Scontro tra auto e bici, muore Marco Aliberti: Baronissi a lutto

  • Incidente a Salerno, perde il controllo della moto e cade: morto 16enne

  • Incidente in via Croce, muore il giovane Vittorio Senatore: Cetara a lutto

  • Lutto nella movida, dolore e commozione per i funerali di Enzo

Torna su
SalernoToday è in caricamento