Casa di appuntamenti a Nocera: rinvio a giudizio per una donna cinese

Oggi si è avuto il rinvio a giudizio di una donna, una 48enne cinese che faceva prostituire alcune sue connazionali con la scusa di massaggi erotici

Dilaga, lo sfruttamento della prostituzione nel salernitano. Dopo la casa a luci rosse ritrovata a Lancusi di Fisciano, è la volta di Nocera Inferiore: oggi si è avuto il rinvio a giudizio di una  donna, una 48enne cinese che faceva prostituire alcune sue connazionali con la scusante di massaggi erotici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La denuncia

La donna, denunciata a piede libero nel mezzo di un lavoro investigativo nato da fonti confidenziali, conduceva e gestiva un’attività di prostituzione scoperta nel 2015: quando il 26 giugno i carabinieri arrivarono in via Siniscalchi, sventarono il sistema della casa dove, con la scusa di massaggi  terapeutici, si consumavano veri e propri atti sessuali. Per la maitresse cinese, come riporta La Città, sono scattate le manette.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Richiamato per la mascherina abbassata, reagisce male: uomo bloccato a Salerno

  • Covid-19, sono 6 i nuovi casi positivi in Campania: 1 contagio ad Eboli

  • Covid-19: oggi solo lo 0,09% dei tamponi positivi, 2 nuovi contagi all'ospedale di Eboli

  • Covid-19, in lieve aumento i contagi nel salernitano: i dati provinciali

  • Covid-19, nuovo caso positivo a Battipaglia: l'appello della sindaca

  • Covid-19, altri 4 casi positivi in Campania: due sono a Cava de' Tirreni

Torna su
SalernoToday è in caricamento