Scandalo Ior, ascoltati i cugini D'Amico: "I 20 milioni non sono nostri"

Nel corso dell'atto istruttorio i due indagati hanno confermato di conoscere Scarano e di aver avuto con lui rapporti finalizzati alla beneficenza e aiuti umanitari

Scarano

Riflettori ancora puntati sul caso Scarano. E' la volta dell'interrogatorio di Paolo e Cesare D'Amico, assistiti anche dall'avvocato Antonio Fiorella, ascoltati per oltre tre ore dal procuratore aggiunto Nello Rossi e dai sostituti Stefano Rocco Fava e Stefano Pesci. Nel corso dell'atto istruttorio i due indagati hanno confermato di conoscere Scarano, legato da antico vicolo, con il capostipite Giuseppe D'Amico, e di aver avuto con lui rapporti finalizzati alla beneficenza e aiuti umanitari. 

Gli imputati hanno citato la costruzione di una casa per anziani e di un campo di calcio per seminaristi a Salerno: "esterrefatti" per il loro coinvolgimento nell'inchiesta, entrambi hanno escluso di conoscere sia Carenzio sia Zito. Un altro componente della famiglia D'Amico indagato dalla procura di Roma, Maurizio, non si è presentato oggi davanti ai pm.

"Quei venti milioni di euro non sono nostri": hanno detto i cugini Paolo e Cesare nell'ambito del processo che li ha visti indagati per evasione fiscale, nell'inchiesta sul fallito tentativo di far rientrare in Italia il denaro dalla Svizzera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Paura a Battipaglia, rapinato un supermercato: donna ferita

Torna su
SalernoToday è in caricamento