Castel San Giorgio, inchiesta su assenteismo: 9 dipendenti rischiano il processo

La Procura di Nocera Inferiore stralcia tre posizioni, chiedendo invece il rinvio a giudizio per nove dipendenti comunali. Sono accusati di truffa: diverse le contestazioni, come quella di assentarsi dall'ufficio durante l'orario di lavoro

Nove dipendenti del Comune di Castel San Giorgio rischiano un processo per truffa. Nell’indagine su svariati casi di assenteismo condotta dalla Procura di Nocera Inferiore nel 2015 e culminata con un blitz lo scorso settembre, con l’iscrizione nel registro degli indagati di 12 comunali, il sostituto procuratore Roberto Lenza ha chiesto il rinvio a giudizio per Ferdinando Cimmino, Giovanni Cenci, Raimondo Forte, Antonella Mellini, Gerardo Menichini, Gerardo Santoro, Domenico Sica, Anna Villani e Mario Zappullo. A decidere per un eventuale processo sarà il gip Paolo Valiante, nell’udienza preliminare fissata al prossimo 16 marzo. Dalla richiesta, restano fuori Sergio Oliva, Rocco Capaldo e Michele Iannaco, le cui posizioni con stralcio potrebbero essere destinate all’archiviazione. L’indagine fu in parte ridimensionata davanti al gip, con diversi comunali reintegrati e alcune falle investigative che il giudice riscontrò nel valutare gli indizi raccolti a carico di una parte del personale, accusato di allontanarsi durante gli orari di servizio per fare altro, ma facendo in modo di risultare comunque operativo.

Nella richiesta del pm, diverse le accuse mosse invece ai nove: da chi si intratteneva per un’ora intera in un bar, a chi invece usciva dall’ufficio senza permesso, facendo tuttavia risultare il proprio cartellino timbrato in modo fraudolento. I carabinieri hanno messo nero su bianco anche le posizioni di chi si allontanava in auto, girando per il paese e di chi riusciva a godere di ferie, utilizzando firme false. Tra gli elementi portati a supporto della tesi difensiva dai rispettivi avvocati, la circostanza che dimostrò l’assenza di controlli da parte dei carabinieri presso le sedi distaccate del comune, dove molti dipendenti erano impiegati in varie mansioni. L’attività investigativa fu caratterizzata dall’uso di fonti confidenziali, pedinamenti e dalle immagini di video provenienti da telecamere sorveglianza. A marzo, davanti al gip, si chiuderà la fase preliminare per nove dei dipendenti comunali che rischiano il processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Suicidio all'Unisa, il cordoglio di Loia: in arrivo tre psicologi per gli studenti

  • Gelo a Ricigliano, il parroco ai fedeli: "Celebro la messa a casa vostra"

  • Contursi Terme piange Mumù, il sindaco dei cani

Torna su
SalernoToday è in caricamento