Corruzione in atti giudiziari, torna libero il consigliere comunale

L'indagato, di professione avvocato, secondo le accuse - ma sarà fondamentale ora leggere le motivazioni del gip in questo senso - avrebbe beneficiato della cancellazione di una cartella esattoriale da 8 milioni di euro, per conto della sua azienda

Torna in libertà il consigliere comunale e avvocato Andre De Vivo, indagato nell'inchiesta per corruzione dalla procura di Salerno. Insieme a lui, erano finiti in misure cautelari altre tredici persone, dietro indagine condotta dalla Guardia di Finanza.  Tra questi, anche due giudici tributari, accusati di aver intascato soldi per emettere sentenze favorevoli. Gli accertamenti svolti avevano consentito di individuare dieci procedure il cui iter sarebbe stato condizionato dalla corruzione. Complessivamente, le imposte evase, gli interessi maturati e le sanzioni amministrative annullate con le decisioni condizionate dalla corruzione ammonterebbero a circa 15 milioni di euro. Il consigliere comunale, avvocato, secondo le accuse - ma sarà fondamentale ora leggere le motivazioni del gip in questo senso - avrebbe beneficiato della cancellazione di una cartella esattoriale da 8 milioni di euro, per conto della sua azienda. E difeso dall'avvocato Giuseppe Della Monica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi concorso Regione Campania: ecco gli idonei alla prima fase

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura a Salerno, le onde invadono la spiaggia di Santa Teresa

Torna su
SalernoToday è in caricamento