Falsi titoli per fare i bidelli o i collaboratori scolastici, indagini prorogate

Sono 42 le persone indagate per falsità materiale commessa da privato e pubblico ufficiale

False attestazioni per essere assunti come personale di segretaria o come bidello nell’organigramma degli istituti scolastici, la procura di Nocera Inferiore chiede una proroga dell'indagini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine

Sono 42 le persone indagate per falsità materiale commessa da privato e pubblico ufficiale. Nello specifico, si parla delle domande utili per entrare a far parte delle graduatorie per personale Ata (ausiliario amministrativo). Un giro di falsi, il cui epicentro sarebbe stato localizzato nel comune di Castel San Giorgio, che avrebbe permesso a molti residenti dell’Agro nocerino, ma anche delle altre province campane e di qualcuna del Nord, di poter superare - con titoli falsificati e mai ottenuti - chi aveva diritto a lavorare nelle scuole. Lo scorso novembre, la Guardia di finanza della compagnia di Nocera Inferiore, aveva provveduto a perquisire e porre sotto sequestro sei degli attuali indagati. Ora un ulteriore step, con la richiesta di prorogare le indagini di altri sei mesi, prima di concluderle. Gli inquirenti lavorano e comparano dati e titoli di ogni singolo indagato, per verificare quanto fosse esteso quel presunto sistema che avrebbe permesso a persone, sprovviste di requisiti, di poter lavorare presso gli istituti scolastici di più parti d'Italia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • "C'è una bomba a Fratte": strade chiuse al traffico e artificieri all'opera, ma è un falso allarme

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

Torna su
SalernoToday è in caricamento