La Chiesa di San Vincenzo de' Paoli riapre al culto: Messa con il Vescovo

Si terrà domani, giovedì 5 luglio, la consacrazione dell'altare. Sono stati spesi circa 600mila euro per la ristrutturazione. Lavori eseguiti anche con il contibuto 8 per mille della chiesa cattolica. L'arcivescovo Moretti: "L'opera unirà a sé la comunità limitrofa di San Leonardo"

Chiesa San Vincenzo de' Paoli

Oggi è ancora un cantiere ma domani, giovedì 5 luglio, alle ore 19, sarà di nuovo chiesa, ristrutturata e rinnovata. "San Vincenzo de' Paoli", a Torre Angellara, riapre al culto: sono arrivate le panche; solerti operai pitturano la ringhiera che costeggia la rampa per disabili; la statua della Madonna "accoglie" i fedeli nel giardino; il Comune di Salerno sta ripulendo le aiuole ed è stato già contattato per il potenziamento della pubblica illuminazione, che si aggiunge all'impianto di video sorveglianza attivo tra poche ore. Dunque è tutto pronto. Dopo un lungo periodo di oblio, riaprirà al culto la chiesa dalla quale il compianto Don Saverio Della Mura conduceva le sue memorabili battaglie anti-prostituzione e nella quale il co-patron della Salernitana Claudio Lotito, al suo primo giorno al timone del club in serie D, ascoltò la prima Messa in città, chiedendo benedizioni per il nuovo progetto calcistico appena avviato. 

L'unità pastorale

Adesso è vita nuova per la struttura, la cui riapertura si lega a filo doppio con le vicissitudini della vicina parrocchia di San Leonardo. Da sei mesi, in seguito al sopralluogo che ha accertato infiltrazioni nel solaio e pericolo di caduta, la chiesa confinante (un paio di chilometri in linea d'area, ubicata all'uscita della tangenziale, a monte del sottopasso di via San Leonardo) è stata chiusa. Le prime comunioni sono state celebrate nella Chiesa di Fuorni. Lì i fedeli di San Leonardo hanno trascorso anche Pasqua e Domenica delle Palme. Con grande senso di responsabilità, uniti al proprio parroco Don Antonio Quaranta, hanno atteso tempi tecnici e luoghi idonei ad ospitare tutti. Nel frattempo, la Santa Messa domenicale e l'adorazione eucaristica sono state celebrate nel vicino oratorio intitolato alla memoria di Don Giuseppe Cerrone. Adesso c'è uno spazio nuovo, più ampio.

L'invito del Vescovo

Quando si sono manifestate infiltrazioni nel solaio della Chiesa a San Leonardo, i lavori a San Vincenzo de' Paoli erano già a metà dell'opera, in pieno svolgimento. La Curia li ha completati e in un manifesto affisso all'ingresso delle due Chiese - San Vincenzo e San Leonardo - attraverso le parole dell'Arcivescovo Luigi Moretti, illustra: "Dopo i lavori di adeguamento liturgico e di ristrutturazione dei locali di ministero pastorale del complesso parrocchiale di San Vincenzo de' Paoli, in viale De Marco, giovedì 5 luglio alle ore 19 si terranno la dedicazione del nuovo altare e la benedizione della Chiesa". Seguirà la Santa Messa celebrata dall'Arcivescovo. "Tale opera - prosegue Moretti - sarà di servizio a questa comunità in corso di crescita demogragfica, unendo a sè la comunità limitrofa di San Leonardo". 

Richieste e attesa

Quest'ultima, a propria volta, si chiede in che modo si concretizzerà l'annessione. Parteciperà in massa e con entusiasmo all'inaugurazione della nuova Chiesa di San Vincenzo de' Paoli, che sarà anche il luogo di culto di riferimento nei prossimi mesi, forse anni. Nello stesso tempo, attende notizie in merito alla Chiesa di San Leonardo, dov'è andata avanti - da sempre - la vita della comunità, fatta di sacramenti, Messa domenicale, catechismo, gruppi preghiera, animata da bambini, famiglie. La Curia non l'ha dimenticato e risponde attraverso Don Antonio Pisani, Responsabile Ufficio Beni Culturali e nuova edilizia di culto, nominato ammistratore a San Vincenzo nel periodo dei lavori di ristrutturazione: "La parrocchia San Vincenzo de' Paoli sarà unita pastoralmente alla parrocchia di San Leonardo. Va precisato che le due parrocchie conserveranno la propria identità e personalità giuridica ma saranno affidate ad un unico sacerdote, Don Antonio Quaranta, già parroco a San Leonardo dove insiste una Chiesa storica, patrimonio di tutti e soprattutto della comunità. La Curia è attenta a tutto, si procede un passo per volta. In prima istanza, è intervenuta a San Vincenzo de' Paoli, dove il recupero è stato enorme. La struttura era stata costruita negli anni '60, al servizio del vecchio ospedale. Dopo anni di oblio, in ragione dell'aumento demografico, Monsignor Moretti mi nominò amministratore. Abbiamo recuperato chiesa, torre campanaria, casa canonica e locali di ministero pastorale, cioè le aule adibite al catechismo". Sono stati spesi circa 600mila euro. Lavori eseguiti anche con il contibuto 8 per mille della chiesa cattolica (290mila euro). 

La ripartenza

Dopo la Santa Messa, sarà tutto affidato a Don Antonio Quaranta, che dà appuntamento a tutti i parrocchiani: "Consacrazione dell'altare e apertura del complesso alle ore 19, giovedì 5 luglio. La comunità sarà presente a questo momento importante, che culminerà nella celebazione eucaristica presieduta dall'Arcivescovo Luigi Moretti. Dal 6 luglio sarò lì a San Vincenzo de' Paoli per portare avanti la realtà di San Leonardo e accogliere quanti verranno dal territorio di San Vincenzo, che abbiamo già conosciuto, ricevuto e accolto a San Leonardo, negli ultimi anni".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento