Il Comune candida la "patata di Acerno" a Prodotto Agroalimentare Tradizionale

La richiesta alla Regione Campania - Assessorato all'Agricoltura è stata formalizzata lo scorso mese di febbraio attraverso l'approvazione della delibera numero 18. Tante le peculiarità del tubero commestibile

Le patate

La Giunta comunale di Acerno, su proposta del sindaco Vito Sansone e dell'assessore all’agricoltura Salvatore De Nicola, candida la patata di Acerno quale Prodotto Agroalimentare Tradizionale. La richiesta alla Regione Campania – Assessorato all’Agricoltura è stata formalizzata lo scorso mese di febbraio attraverso l'approvazione della delibera numero 18. In questo modo l'amministrazione comunale ha accolto le istanze pervenuto dai locali produttori . Qualche giorno fa,  infatti, la Regione ha inviato un ispettore per effettuare un sopralluogo, all’ispezione hanno partecipato anche due aziende agricole locali, Pacifico e Sansone, che da decenni hanno investito nel settore dell’agroalimentare di qualità, e tra gli altri prodotti tipici, coltivano le tipiche patate di montagna di Acerno.

La peculiarità delle patate coltivate ad Acerno, rispetto a quelle coltivate in territori ad altitudini inferiori, è rappresentata dal sapore unico e dalla consistenza marcata che tale prodotto possiede in virtù del clima freddo presente che, in simbiosi con le caratteristiche del terreno acernese, ricco di sostanze organiche, acqua, azoto, fosforo e potassio, permette di coltivare questo prodotto senza la necessità di irrigare i campi e, soprattutto, senza l’utilizzo di fitofarmaci indispensabili in quasi tutte le altre zone circostanti. 

Ad Acerno si coltivano principalmente quattro varietà di patate: Desiree, con una forma arrotondata, buccia di colore rosso, pasta di colore giallo che rappresenta anche una buona conservabilità; Spunta, che ha una struttura allungata, buccia color giallo leggermente meno sbiadito rispetto alla classica acernese e pasta gialla. Le caratteristiche della patata Kennebec sono di grandezza media, tondovale, di colore giallo chiaro, buccia liscia e pasta bianca. Infine, in agricoltura troviamo anche la patata Turchese, il cui nome è dovuto alla particolare colorazione blu-violacea della buccia esterna e della polpa.

Se il Ministero delle Politiche Agricole dovesse accogliere l’istanza dell’amministrazione comunale inserendo nell'elenco nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) anche la patata di Acerno, le eccellenze del territorio salirebbero a quattro. Oggi, infatti, fanno parte di questo paniere la “Castagna”, inserita nella tipologia del prodotto allo stato naturale, la Fragolata” nella categoria dei prodotti trasformati; la “Pasticella”, invece, rientra tra i prodotti artigianali della tradizione dolciaria locale.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Lite sul Corso di Salerno, malore per una ragazzina

    • Politica

      Dà della "chiattona" alla Ciarambino, De Luca non si scusa: "Non fiori, ma opere di bene”

    • Cronaca

      Invasione di ratti in via Vinciprova: venerdì sera da dimenticare per passanti e turisti

    • Cronaca

      Cava, rapina a mano armata in banca: bottino di oltre 50mila euro

    I più letti della settimana

    • Tangenziale di Salerno, entrano in funzione gli autovelox: ecco dove

    • Dramma annunciato sul Corso, 60enne si cosparge di benzina dopo l'appello ignorato

    • Camorra, 33 arresti nel salernitano: estorsioni per trafficare droga

    • Fiocco azzurro in casa Pagliarulo: è nato Giovanni, il figlio di Rocco Hunt

    • Scafati, trovato morto il pluripregiudicato Vincenzo Staffetta: si indaga

    • Uccisa e abbandonata alle spalle del cimitero: prove "schiaccianti" contro il muratore di Vietri

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento