Risultava in malattia ma era all’università: licenziato dipendente comunale a Santa Marina

A far scoppiare il caso è stato circa un anno fa il sindaco della nota località turistica del Golfo di Policastro Giovanni Fortunato, che presentò denuncia ai carabinieri, alla Procura della Repubblica di Lagonegro e anche alla Corte dei Conti

Risultava ufficialmente a casa in malattia, ma in realtà era a Napoli a sostenere gli esami di laurea. Per questo un dipendente del Comune di Santa Marina è stato licenziato dopo essere stato prima sospeso e poi sottoposto ad un procedimento giudiziario. A far scoppiare il caso è stato circa un anno fa il sindaco della nota località turistica del Golfo di Policastro Giovanni Fortunato, che presentò denuncia ai carabinieri, alla Procura della Repubblica di Lagonegro e anche alla Corte dei Conti.

Ad insospettire l’amministrazione comunale, nel corso di alcune verifiche, è stata la data di conseguimento della laurea del dipendente che coincideva con una giornata di assenza per malattia. A quel punto, dopo un consulto con l’università Federico II di Napoli, sarebbe emerso che otto esami, compresa la seduta di laurea, erano stati sostenuti dall’uomo in giorni in cui risultava in ufficio malato. Di qui l’apertura di un’inchiesta da parte della Procura. Nel mirino degli inquirenti anche il medico che certificò la malattia del dipendente. Intanto il Comune di Santa Marina è pronto a costituirsi parte civile per chiedere la restituzione dei compensi che sarebbero stati percepiti ingiustamente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Salerno, perde il controllo della moto e cade: morto 16enne

  • La prof fa l'appello e viene sbeffeggiata dagli studenti: il caso a Salerno

  • Scontro tra auto e bici, muore Marco Aliberti: Baronissi a lutto

  • Incidente in via Croce, muore il giovane Vittorio Senatore: Cetara a lutto

  • Lutto nella movida, dolore e commozione per i funerali di Enzo

  • Salerno, alunni vessati in classe: docente allontanata dalla scuola

Torna su
SalernoToday è in caricamento