Coronavirus: manager salernitana produce mascherine in Congo

Il racconto di Fortunata Ciaparrone, direttore generale di Texico S.A., che si presenta come "la più tecnologica e grande dell'Africa subsahariana"

Fortunata Ciaparrone (Foto dal web)

Una manager originaria della provincia di Salerno è alla guida della più grande fabbrica tessile dell'Africa subsahariana che, nella Repubblica Democratica del Congo (Rdc), si è riconvertita alla produzione di mascherine anti-coronavirus riutilizzabili più volte e al costo di un dollaro l'una. "Produciamo mascherine che possono essere disinfettate e riutilizzate", ha detto all'Ansa Fortunata Ciaparrone, direttore generale di Texico S.A., che si presenta come "la più tecnologica e grande dell'Africa subsahariana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa

"I dispositivi in tessuto, se lavati a mano con acqua e disinfettante a 40 gradi, possono essere riutilizzati tutte le volte che lo consentirebbe un abito. La possibilità  di riutilizzo rende il costo di queste mascherine congolesi eccezionalmente basso, ha sottolineato Ciaparrone. La manager, nata a Padova ma legata alla provincia di Salerno di cui è originario il padre, ha precisato che le mascherine vengono prodotte seguendo lo standard francese "Afnor" e che la società, fondata nel 2008 da imprenditori congolesi, è in grado di produrne 20 mila al giorno. L'ordine minimo è di 5 mila mascherine. Il prezzo di un dollaro per dispositivo resta lo stesso a prescindere dall'entità degli ordini ricevuti dalla "Texico", acronimo che sta per "Textiles et Imprimerie du Congo". Ciaparrone, che l'anno scorso è stata insignita del titolo di "Cavaliere al Merito della Repubblica italiana", rispondendo a domande ha indicato nella Fbn Bank e nella Rawbank, entrambe di Kinshasa, due banche congolesi disponibili a contribuire all'emissione di lettere di credito per eventuali importatori italiani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

  • Mare con schiuma gialla e meduse morte tra Pontecagnano e Battipaglia

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

  • Coronavirus, nuovi 10 contagi in Campania: il bollettino

Torna su
SalernoToday è in caricamento