Emergenza coronavirus, un salernitano vola a Cremona: "Vado ad aiutare chi ha bisogno"

Si tratta dell'operatore socio-sanitario Michele Pecorale che, nelle prossime ore, prenderà servizio presso l'ospedale "Maggiore" della città lombarda

Michele Pecorale

Ha deciso di sfidare il Coronavirus andando ad aiutare chi, nel Nord Italia, ha bisogno di supporto sia morale che lavorativo. Michele Pecorale, operatore socio sanitario di Salerno, è partito per Cremona. Lì prenderà servizio presso l’ospedale “Maggiore”, dove, come in tutti gli ospedali della Lombardia, i ricoveri aumentano e il personale sanitario inizia a scarseggiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco la lettera inviata a Salernotoday:

“Non mi è mai piaciuta la ribalta, non sono uno da palcoscenico, quando c'è da ricevere elogi sono sempre nascosto nelle ultime file, ho sempre detto gli altri sono i protagonisti io ci ho messo poco del mio, sono una persona normalissima, con mille difetti e pochi pregi. In un periodo dove a giusta ragione tutti scappano dalla paura, io le vado incontro, si perché non mi vergogno a dirlo, fa parte delle fragilità dell'uomo: ho paura anche io. Vado a Cremona all'ospedale Maggiore, in piena emergenza coronavirus, dove l'epidemia la sta facendo da padrona, non so quanti al mio posto avrebbero accettato, ma mi "hanno chiamato" perché sono al collasso, hanno bisogno d'aiuto, stanno reclutando personale medico e di supporto. Sono un Oss (operatore socio-sanitario) non sono nessuno, non sono un medico, né un infermiere, loro sono i veri eroi. Ma vado perché devo, e voglio, per senso di responsabilità, per senso civico, per coscienza, per lavoro. Si per lavoro. Un lavoro che la mia terra, in tre anni di vita da inoccupato non mi ha saputo garantire. Lascio mia moglie, che avrebbe bisogno di me qui per motivi che non vado a specificare, i miei figli che in questo momento avrebbero necessità della mia presenza, lascio la mia famiglia, i ragazzi e la società della mia Longobarda la squadra che alleno, i parenti, le persone che amo. Vado ma ritornerò, porterò al Nord un po' di noi, di voi, della mia Salerno e della mia salernitanità, ci vediamo spero presto, per i lombardi e per l'Italia intera. Nel frattempo non smettete di volermi bene adesso ho bisogno di voi, del vostro affetto. Grazie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

Torna su
SalernoToday è in caricamento