"San Matteo farà visita il 18 settembre al Comune": ricucito lo strappo con la Curia

Decisivo l'incontro, avvenuto in tarda mattinata, tra Don Michele Pecoraro, parroco del Duomo, e il sindaco di Salerno, Enzo Napoli. Dagli uffici di Palazzo di Città è stata inviata una nota stampa di chiarimento

San Matteo, Patrono di Salerno

Prima i dissapori e gli screzi, poi l'ago e il cotone: il filo della diplomazia - protagonista il parroco del Duomo, Don Michele Pecoraro - ha ricucito lo strappo mattutino tra Curia e Comune di Salerno. Restano "stupore e amarezza", come ribadisce il Comune nella propria nota stampa, ma almeno domani, martedì 18 settembre, la statua di San Matteo entrerà a Palazzo di Città. "Tutto ok, nessuna chiusura. A breve attiveremo anche l'area comunicazione per una nota ufficiale", anticipavano gli uffici comunali, subito dopo pranzo, in attesa della nota che è poi arrivata. L'imbarazzo, però, è stato evidente e il Comune non lo ha nascosto, neppure quando ha dovuto fare chiarezza, nero su bianco.

Mattinata turbolenta

Dopo ore di dissidi e frenetiche telefonate, il primo cittadino Enzo Napoli aveva rilasciato dichiarazioni ufficiali ad alcune emittenti televisive. Il Sindaco, nei giorni scorsi, aveva anche scritto una lettera al Vescovo Luigi Moretti. Aveva chiesto di fare chiarezza sulla scelta di far entrare la reliquia del braccio di San Matteo a Palazzo di Città in un giorno feriale, il 18 settembre e congiuntamente sui motivi della decisione di bypassare il 21 settembre, festività del Santo Patrono. Stamattina nuovi contatti e poi l'intervista che aveva fatto il giro del web: molto concreta l'ìpotesi delle porte chiuse a Palazzo di Città.

Il retroscena

La notizia aveva fatto rapidamente il giro della città e Don Michele Pecoraro, parroco del Duomo, ha deciso di incontrare il Sindaco Napoli per un colloquio chiarificatore, in un clima disteso e sereno. L'allarme è rientrato. Le rassicurazioni arrivate da Palazzo di Città ("Manca solo il crisma dell'ufficialità") hanno poi lasciato rapidamente spazio alla nota stampa.

Il comunicato

"San Matteo sarà esposto domani, martedì 18 settembre, dalle ore 10.00 alle ore 17.00, nell'atrio del Palazzo di Città - è scritto nella nota stampa - Il Comune di Salerno, dopo ulteriori incontri con la Curia, l'ultimo in queste ore, conferma l'appuntamento in uno spirito di pacificazione". Poi la puntualizzazione: "Non possono nascondersi perplessità ed amarezza per le polemiche di questi giorni ed il rincorrersi di voci che avrebbero potuto turbare la gioia che deve ispirare tale giornata. Pur rispettando l'autonomia dell'Autorità Ecclesiastica, la Civica Amministrazione ribadisce il suo prioritario impegno per difendere le consolidate tradizioni identitarie del popolo salernitano ed esprime stupore e rammarico per la scelta, perlomeno discutibile, di consentire l'ingresso del Santo a Palazzo di Città, casa di tutti i cittadini, in un giorno feriale e di impedirlo durante la solenne processione. Il Comune di Salerno invita tutti i salernitani a stemperare queste tensioni in onore dell’amato Patrono". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma al Ruggi, ragazza partorisce la figlia e poi muore di tumore

  • Caso sospetto di Coronavirus a Salerno: oggi l'esito dei test, l'ira del web per "l'imprudenza"

  • Lutto a Castellabate, muore il maresciallo dei vigili Vincenzo Cilento

  • Coronavirus, due ragazze cilentane in quarantena

  • Coronavirus, primo caso sospetto a Salerno: paziente trasferito al Cotugno

  • Costiera a lutto, è morto prematuramente il maresciallo Perrelli

Torna su
SalernoToday è in caricamento