Mareggiate e danni, anche Pollica chiede il riconoscimento dello stato di calamità naturale

Disagi e danni nelle frazioni Acciaroli e Pioppi, a causa delle mareggiate che hanno rotto gli argini di protezione delle opere a difesa del litorale, causando danni a strutture pubbliche e private

E' la volta di Pollica: anche il noto comune cilentano ha deciso di richiedere il riconoscimento dello stato di calamità naturale per i danni causati dalle mareggiate dello scorso 21 marzo.

I danni

Disagi e danni nelle frazioni Acciaroli e Pioppi, infatti, a causa delle mareggiate che hanno rotto gli argini di protezione delle opere a difesa del litorale, causando danni a strutture pubbliche e private. Necessaria, dunque, la pulizia dei pozzetti di raccolta delle acque piovane nell’area portuale e nello spazio retrostante la Torre Normanna. Da ripristinare, poi, anche alcune strutture degli stabilimenti balneari. L'auspicio, dunque, è di poter ottenere aiuti per la sistemazione del litorale della perla costiera.


 

Potrebbe interessarti

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Grosso serpente sul lungomare di Salerno: l'appello dei cittadini

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • 5 consigli di bellezza per far durare a lungo la tinta per capelli anche d’estate

I più letti della settimana

  • Maxi Concorso Regione Campania, pubblicati i primi due bandi: tutte le info

  • Arriva in ospedale con i testicoli lesionati: la madre sporge denuncia

  • Allerta meteo in Campania, le previsioni nel salernitano

  • Suicidio a Capaccio, 53enne si impicca con un foulard

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

Torna su
SalernoToday è in caricamento