Ordinano datteri di mare ma Capitaneria e Finanza sequestrano i piatti

E' accaduto nel centro storico di Salerno. I clienti avrebbero voluto cenare a base di pesce ma al momento di assaggiare le prelibatezze sono stati bloccati dagli uomini della capitaneria e dalle fiamme gialle che hanno fatto irruzione nel locale

Foto archivio

Ordinano datteri di mare ma Capitaneria di Porto e Finanza sequestrano i piatti. E' accaduto nel centro storico di Salerno. I clienti avrebbero voluto cenare a base di pesce ma al momento di assaggiare le prelibatezze sono stati bloccati dagli uomini della capitaneria e dai finanzieri che hanno fatto irruzione nel locale. Lo scrive il quotidiano Il Mattino.

La sanzione e il danno

Per i due gestori del locale è scattata la denuncia all'autorità giudiziaria. Gli inquirenti ritengono che i datteri di mare e la loro commercializzazione siano oggetto di un giro d'affari illegale. Non solo il danno erariale ma anche quello ambientale: si calcola che ogni anno in Campania 70.000 metri quadrati di fondali vengano desertificati.
 

La foto che pubblichiamo è di archivio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Sta per aprire "Mizzica": degustazioni siciliane nel centro di Salerno

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

Torna su
SalernoToday è in caricamento