"Robertino" ricoverato al Ruggi, il Governatore della Campania va subito a fargli visita

De Luca: "Siamo con lui. Abbiamo avuto modo di conoscerlo negli anni e di apprezzarne il suo garbo, la semplicità, la sua umanità"

Appena appresa la notizia del suo ricovero presso l'ospedale Ruggi di Salerno, il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha fatto visita a Larbi Sohayl, noto ai salernitani come Robertino o Mustafà. Lo storico ambulante di via Carmine che da decenni trascorre le sue giornate a vendere fazzolettini e accendini all'incrocio semaforico del rione, era entrato nel cuore di De Luca già quando era sindaco della nostra città. Robertino, non a caso, ottenne anche la cittadinanza italiana a seguito di un giuramento a Palazzo di Città, per la sua gentilizza ed umiltà.

In tanti, nell'ultimo periodo, erano preoccupati per l'assenza presso la sua postazione lavorativa di sempre. E' stato uno scatto pubblicato su Facebook a render noto a tutti che il marocchino, da giorni, si trova in ospedale, a seguito di un ricovero d'urgenza. Tra i tanti ad augurargli una pronta guarigione, dunque, non è mancato il presidente della Regione che, oggi stesso, si è recato presso il nosocomio salernitano per salutarlo.

Parla il Governatore De Luca

Oggi ho fatto visita in ospedale a Larbi Sohayl, da tutti conosciuto a Salerno come "Robertino". Ha subito un ricovero d’urgenza e si sta riprendendo dopo l’intervento chirurgico. Siamo con lui. Abbiamo avuto modo di conoscerlo negli anni e di apprezzarne il suo garbo, la semplicità, la sua umanità.

Marocchino, in Italia dal 1995, si è perfettamente integrato, ha imparato la lingua italiana e ha sempre rispettato le norme e la legge italiana. Per questo quando ero sindaco gli fu conferita la cittadinanza e l’autorizzazione al commercio ambulante. A lui i migliori auguri di pronta guarigione
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente a Baronissi: morto un 21enne, un arresto per guida in stato di ebbrezza

  • Agropoli, rubata la salma di Pasquale Picariello: familiari sotto choc

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Droga tra Agro e Irno, 14 arresti: uno dei fornitori vicino al clan Fezza - D'Auria

Torna su
SalernoToday è in caricamento