Decreto Sicurezza, esplode la protesta contro Salvini a Salerno

Un lungo corteo formato da immigrati, sindacati e associazioni ha attraversato Corso Vittorio Emanuele. La denuncia di Botte (Cgil): "Gli stranieri finiranno nelle mani della criminalità organizzata. I sindaci non applichino la normativa"

Il corteo (Foto Salernotoday)

Esplode la protesta di immigrati e salernitani contro Matteo Salvini a Salerno. Questa mattina Cobas, Cgil, Legambiente, Potere al Popolo, Arci e diverse associazioni hanno attraversato Corso Vittorio Emanuele per ribadire la loro contrarietà al Decreto Sicurezza voluto con forza dal ministro dell’Interno e ricordare le persone morte in mare negli ultimi anni. 

Il corteo

In prima fila, al corteo, il dirigente della Cgil Anselmo Botte che attacca: "Questo decreto sicurezza - dichiara a Salernotoday - non ci piace perchè creerà insicurezza. Sul nostro territorio circa 2000 ragazzi non avranno la possibilità di regolarizzare la loro posizione e quindi resteranno senza permesso di soggiorno; saranno facile preda della criminalità organizzata e del caporalato perché sono merce preziosa, senza documenti, per il lavoro illegale. Siamo scesi in piazza, dunque, per dire che questo provvedimento non va bene. Lo diciamo alle istituzioni, al Prefetto, perché, davvero, si creeranno situazioni che avranno gravi ripercussioni anche in provincia di Salerno".

Di qui l'appello del sindacalista anche ai primi cittadini: "Il nostro è un messaggio rivolto anche ai sindaci che dovranno affrontare tutto questo senza alcuno strumento, perché i ragazzi che resteranno senza permesso di soggiorno continueranno a restare su questo territorio e possibilità che rientrino nei loro paesi di provenienza non ce ne sono. Noi lavoreremo su queste contraddizioni che crea la normativa e cercheremo con le amministrazioni e le istituzioni una posizione comune. La Cgil - ricorda - ha chiesto ai sindaci di non applicare il decreto sicurezza. Alcuni di loro (una ventina) lo hanno già fatto. Continueremo ad insistere con quelli del Salernitano, soprattutto con quelli che amministrano i comuni a sud della provincia dove c’è la parte maggiore di richiedenti asilo". Presente al corteo anche il rapper afro-salernitano Lamin Ceesay, che di recente ha realizzato proprio una canzone dedicata agli immigrati: “A Salerno ci sono persone perbene, la città è molto accogliente con tutti. Per questo le istituzioni siano umane. Questo decreto, invece, è disumano e il sindaco non lo deve applicare ”.

Il video della protesta

Le critiche di Russo

Potrebbe interessarti

  • Salerno: 5 locali perfetti per trascorrere una serata in riva al mare

  • "Aiuto, la strada è infestata dai serpenti": allarme dei residenti a Calata San Vito

  • Invasione di insetti rossi a Salerno: la gente scappa dal lungomare

  • Il mare più bello d'Italia è quello di Pollica e del Cilento Antico: parola di Legambiente e Touring Club

I più letti della settimana

  • "Do 1000 euro a chi restituisce il cellulare alla mamma di Alessandro": l'appello di un nostro lettore

  • Dramma a Nocera, precipita dal tetto di una scuola: muore operatore

  • Salerno: 5 locali perfetti per trascorrere una serata in riva al mare

  • "Aiuto, la strada è infestata dai serpenti": allarme dei residenti a Calata San Vito

  • Festeggiano il matrimonio in un ristorante ma non pagano il conto: neo sposini nei guai

  • Salerno, i Nas chiudono laboratorio di analisi: sequestri anche in provincia

Torna su
SalernoToday è in caricamento