Primo maggio, volantini di Forza Nuova: "Niente feste, c'è solo da lottare"

I militanti hanno affisso striscioni ad Eboli, Postiglione ed Altavilla Silentina recanti la segunte scritta: "Siamo l'unica nazione che festeggia la disoccupazione"

Primo maggio, striscione di Forza Nuova

"Primo Maggio: non c'è nulla da festeggiare, c'è solo da lottare". Con questo striscione esposto ad Eboli, Postiglione ed Altavilla Silentina, i militanti di Forza Nuova hanno espresso il proprio parere riguardo le celebrazioni per la Festa dei lavoratori. "Siamo l'unica nazione che festeggia la disoccupazione", hanno scritto sullo striscione. Mentre a Salerno è in corso il concerto sulla spiaggia di Santa Teresa, al quale assistono centinaia di persone, Forza Nuova ha pubblicato un volantino.

Il testo

Riportiamo gli stralci salienti: "Si festeggia un lavoro che ormai non c’è. Beffa peggiore non potrebbe prefigurarsi, per chi è costretto a mordere la polvere nel proprio anfratto di miseria, precariato e disoccupazione perenne. Conosciamo bene le condizioni in cui versano miriadi di call center, di sottosalariati interinali nelle industrie, di braccianti agricoli. Tutti costretti a barcamenarsi nelle pieghe di uno sfruttamento barbarico che fa leva sullo stato di necessità del singolo (altro che libertà). Grazie al PD che beneficia della reticenza CGIL, capitola anche l’ultimo baluardo con cui i lavoratori potevano avvalersi di qualche diritto: l’articolo 18. Per noi gli eventi organizzati sono una pagliacciata".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi concorso Regione Campania: ecco gli idonei alla prima fase

  • Pioggia e vento, nuova allerta meteo in Campania: ecco le previsioni

  • Angri, investito da un treno mentre raggiunge il binario: grave studente

  • Incidente sulla Cilentana, muore Francesco Farro: donati gli organi

  • Incidente in litoranea ad Eboli, auto investe una donna: è morta

  • Travolta da un bus mentre attraversa la strada a Milano: grave maestra salernitana

Torna su
SalernoToday è in caricamento