Rapine ai portavalori: in 10 rischiano il processo

Rapine dal foggiano all'Agro nocerino: è fissato per il prossimo 27 aprile, dinanzi al gip per il rito abbreviato, l'appuntamento per i soggetti coinvolti nell’inchiesta sulle rapine ai portavalori

Rapine dal foggiano all'Agro nocerino: è fissato per il prossimo 27 aprile, dinanzi al gip per il rito abbreviato, l'appuntamento per i soggetti coinvolti nell’inchiesta sulle rapine ai portavalori. Gli indagati sono Domenico Cocco, scafatese 37enne, Luigi Garmiele, 59enne di Sarno, Angelo Carbone di Foggia, 52enne, Antonio De Sandi, di Foggia, Angelo Pugliese, 46enne di Cerignola, Salvatore Della Ratta di Cercola, Pasquale Panico di Napoli, Ciro De Falco, 47enne, Luigi Delli Carri di Foggia, Ciro Bruno di Foggia. Tutti coinvolti nel blitz “Last day”, dello scorso autunno, concentrato su un gruppo che si muoveva tra Nocera, Sarno, Salerno, Foggia, Napoli, Verona ed in Germania. L’inchiesta portò all'iscrizione di ben 22 indagati, con nove esecuzioni di custodia cautelare in carcere e otto ai domiciliari, e due obblighi di presentazione. L’operazione fu condotta dagli agenti del Servizio centrale operativo e dalle Squadre mobili di Salerno, Napoli, Foggia e Verona, con l’ausilio dei Reparti Prevenzione Crimine di Napoli e Pescara.

Il modus operandi e il grande colpo in Germania

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’organizzazione criminale era composta da soggetti di origine campana, pugliese ed albanese, accusata a vario titolo di 5 rapine realizzate nelle province di Salerno, Napoli, Foggia ed Avellino, con la pianificazione ultima di un colpo da concludere in Germania. E sventato poi dalle ordinanze firmate dal gip. Per mesi gli indagati avrebbero studiato il tragitto di un portavalori blindato che, in Germania, nella provincia di Coblenza, Palatinato, trasportava milioni di euro. Per il colpo era stato tutto preparato al dettaglio: dalle armi alle costosissime maschere con le quali coprire il volto. L’assalto comprendeva l’uso dei micidiali kalashnikov Ak-47 e jammer per neutralizzare i sistemi di allarme satellitari e le comunicazioni con i cellulari, con impiego di maschere in silicone di pregevole fattura, utilizzate dagli attori nei film horror, dal costo di oltre 500 euro ciascuna. Le indagini partirono nel febbraio 2017, dopo una rapina a un portavalori da 78mila euro sul tratto autostradale Salerno-Avellino, all’altezza di Fisciano. Un colpo simile fu commesso poi a Solofra, alla biglietteria degli scavi di Pompei, poi due solo tentati in altrettante banche. Il gruppo avrebbe disposto di importanti risorse economiche, ma anche di finanziatori, basisti e assaltatori. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapertura dei ristoranti in Campania: la Regione pubblica il video

  • Giù dal quinto piano di casa, dramma a Nocera: muore ragazzo di 16 anni

  • Pastena, palpeggiata nelle parti intime mentre torna a casa: indagini in corso

  • Fiume Sele: dopo il lockdown, un'esplosione di colori e biodiversità

  • Rissa in pieno centro a Pontecagnano: un giovane in ospedale

  • Sparatoria in pieno centro cittadino, a Salerno: arrestato l'autore dei colpi

Torna su
SalernoToday è in caricamento