Fonderie Pisano, via libera alla cassa integrazione per i 120 lavoratori

L'intesa è stata raggiunta in mattinata, a Palazzo Santa Lucia, tra le sigle sindacali e la Regione Campania. Un altro nodo cruciale, però, resta ancora da sciogliere: la delocalizzazione dell'azienda

Un recente corteo degli operai

Arriva una piccola boccata d’ossigeno per 120 lavoratori delle Fonderie Pisano di Salerno. Questa mattina, infatti, è stato sottoscritto un accordo tra le sigle sindacali e la Regione Campania, con cui si da il via libera alla cassa integrazione – a partire dal prossimo 21 novembre - ai dipendenti dello stabilimento di via Dei Greci per la durata di sei mesi. Oggi, dunque, è stato scongiurato il loro licenziamento, anche un altro nodo cruciale resta ancora da sciogliere: quello della delocalizzazione dell’azienda.

Un nuovo incontro, su questo argomento, si terrà a Napoli proprio il 21 novembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Suicidio all'Unisa, il cordoglio di Loia: in arrivo tre psicologi per gli studenti

  • Gelo a Ricigliano, il parroco ai fedeli: "Celebro la messa a casa vostra"

  • Contursi Terme piange Mumù, il sindaco dei cani

Torna su
SalernoToday è in caricamento