Fonderie Pisano, il segretario della Cisal scrive a Renzi: "Intervieni tu"

Vicinanza fa appello al segretario in una lettera aperta per invitarlo ad occuparsi della vertenza legata alle Fonderie Pisano

Fa appello a Matteo Renzi, il segretario della Cisal Provinciale, Gigi Vicinanza, per il caso delle Fonderie Pisano. “Intervieni personalmente per salvare i lavoratori. Qui la politica dei De Luca ha fallito”, scrive il segretario in una lettera aperta per invitare il segretario del Partito Democratico ad occuparsi della vertenza legata alle Fonderie Pisano.

La missiva per Renzi:

Gentile segretario Renzi,

sono Gigi Vicinanza, sindacalista della Cisal. Vi scrivo per interessarvi della vertenza delle Fonderie Pisano, azienda di Salerno. Da ormai quasi quattro anni è in atto una battaglia legale sulla produzione della ditta nel suo attuale stabilimento, che ha sede in un’area industriale diventata ormai residenziale nel corso degli ultimi due decenni. Tutto ciò, ovviamente, ha prodotto una discussione sull’eventuale delocalizzazione della fabbrica, accettata dalla proprietà delle Pisano e pretesa dai residenti ormai stanchi di respirare polveri sottili nocivi per la propria salute. Su questo fronte, infatti, una serie di associazioni popolari e ambientaliste si sono formate, andando a contrapporsi agli imprenditori e ai lavoratori, generando una battaglia legale arrivata già in Cassazione. Una guerra tra poveri senza precedenti, culminata anche con uno scontro fisico tra operai e residenti ma che pare sempre ferma al punto di partenza. Ma l’apoteosi è arrivata qualche giorno fa. Una persona a voi molto nota, il presidente della Regione Campania ed ex sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, ha annunciato la chiusura dello stabilimento e l’accelerazione del processo di delocalizzazione della fabbrica. Tutto questo è arrivato alla vigilia delle elezioni politiche, dopo che De Luca, da sindaco di Salerno, non ha mai fatto nulla per spostare la fabbrica o attuare condizioni migliori per la salute dei residenti. Ora, da presidente della Regione, invece, ha deciso di fare qualcosa dopo 20 anni da primo cittadino di Salerno. Ritengo inaccettabile tutto ciò e una sconfitta per la democrazia. Perché, segretario Renzi, la verità è che la delocalizzazione è ferma al palo. Motivo? Nessun Comune vuole quello che tutti definiscono un “incubo” tale da mettere in pericolo la salute dei cittadini. Un contesto creato dalla politica locale e regionale, oltre che dai sindacati confederali, quelli che da sempre hanno avuto rappresentanza in fabbrica, ora bravi a piangere a cose fatte. Ecco perché, segretario Renzi, se ha velleità di ritornare a fare il premier di questo Paese, la invito a intervenire personalmente e a chiarire la posizione del Pd sul caso. Venga a Salerno a incontrare residenti e lavoratori. La politica locale, l’imprenditoria e una parte dei sindacati hanno fallito sulla gestione delle Fonderie Pisano. Intervenga, altrimenti gli operai faranno bene a non votare il prossimo 4 marzo.
 

Potrebbe interessarti

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Grosso serpente sul lungomare di Salerno: l'appello dei cittadini

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Piano per rapinare un commerciante di Angri, ai domiciliari uno della banda

I più letti della settimana

  • Allerta meteo in Campania, le previsioni nel salernitano

  • Suicidio a Capaccio, 53enne si impicca con un foulard

  • Lutto a Mercato San Severino: il giovane Enzo muore in un incidente in Abruzzo

  • Incidente sull'A2 del Mediterraneo, all'altezza di San Mango: 5 feriti di cui uno grave

  • Si accoltella alla gola e poi si lancia in un dirupo: soccorso giovane a Salerno

  • Sorpresi a fare sesso sulla spiaggia, due turisti scambiati per residenti di Ravello

Torna su
SalernoToday è in caricamento