Fonderie Pisano, la Cassazione boccia la Procura: via libera all'apertura

I giudici della Suprema Corte hanno dichiarato inammissibile il ricorso della magistratura salernitana contro il dissequestro dello stabilimento di via Dei Greci

Le Fonderie Pisano

La Corte di Cassazione ha ritenuto “inammissibile” il ricorso della Procura della Repubblica di Salerno che chiedeva nuovamente la chiusura delle Fonderie Pisano.

La decisione

La Procura salernitana aveva impugnato l’ordinanza di dissequestro dell’impianto, emessa nello scorso maggio dal Tribunale del Riesame. Ma i giudici della Suprema Corte hanno respinto il ricorso contro l’ordinanza che autorizzava le Fonderie a continuare a lavorare come richiesto dal collegio difensivo formato dagli avvocati Guglielmo Scarlato e Lorenzo Lentini. Intanto l’attività allo stabilimento di via Dei Greci è stata sospesa per 45 giorni su disposizione della Regione Campania, ma nel frattempo la proprietà può tirare un sospiro di sollievo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sta per aprire "Mizzica": degustazioni siciliane nel centro di Salerno

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

  • "E' il tuo turno? Non mi interessa: ti ricevo dopo": sgarbo e razzismo all'Asl di San Severino

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Furti, danni ed aggressioni davanti ai bimbi, nel negozio salernitano: il grido di aiuto di Ismail

  • Blitz dei Nas in un deposito a Salerno: maxi sequestro di bottiglie d'acqua

Torna su
SalernoToday è in caricamento