Fonderie Pisano, Ilardi alla Regione: "Incentivi per favorirne la delocalizzazione"

Il vice presidente di Cdo Edilizia lancia una proposta all'amministrazione di Palazzo Santa Lucia per provare a sciogliere il nodo legato al futuro dello stabilimento di via Dei Greci

L'imprenditore Antonio Ilardi

Dopo la querelle tra il governatore De Luca, il sindaco Napoli e la troupe televisiva de “Le Iene”, continua a tenere banco la vicenda legata al futuro delle Fonderie Pisano, che sembra non trovare soluzione.

La proposta

Sulla questione interviene anche il vice presidente di Cdo Edilizia Antonio Ilardi che lancia una proposta: “Le Fonderie Pisano vanno chiuse. Ma prima che ciò accada, mi sentirei di proporre che la Regione vari rapidamente una legge che preveda un regime articolato di aiuti per la delocalizzazione degli impianti inquinanti su tutto il territorio campano”. In pratica – spiega l’imprenditore salernitano – “un mix di agevolazioni economiche per la realizzazione di fabbriche più moderne e di benefit edilizi per la riqualificazione dei siti dismessi consentirebbe di contemperare tutela dell’ambiente e salvaguardia dei posti di lavoro. Noi – conclude Ilardi - propugneremo sempre uno sviluppo sostenibile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto in litoranea a Pontecagnano: muore 47enne

  • "Ecco perchè picchiavo mia moglie": il racconto-choc di un salernitano alla Rai

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Furibonda lite in strada tra avvocatesse, a Pagani: la denuncia

  • Nuova allerta meteo in Campania: ecco le previsioni

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

Torna su
SalernoToday è in caricamento