Fonderie Pisano, ecco il nuovo impianto: restyling in via dei Greci

La proprietà presenta due progetti firmati dagli architetti Guido Falcone e Donato Cerone. Resta ancora un mistero la destinazione

La destinazione del nuovo stabilimento delle Fonderie Pisano resta un’incognita. Anche perché, nelle scorse settimane, non sono mancate le proteste da parte dei comuni dell’area dei Cratere (vedi Buccino) che vedono come un pericolo la costruzione di un nuovo impianto(investimento di 42 milioni di euro) nel loro territorio.

Il progetto

D’altro canto, però, la proprietà dello storico opificio di Fratte guarda avanti e progetta il futuro: uno stabilimento moderno, con emissioni dieci volte inferiori ai limiti di soglia, interamente coperto con il riutilizzo interno sia delle acque meteoriche che del calore prodotto. A spiegarne i dettagli è Gualtiero Corelli, responsabile servizi tecnici di Assofond (Federazione nazionale fonderie): “Sarà un capannone completamente chiuso per evitare la dispersione nell’ambiente di qualsiasi tipo di fumo o vapore si possa creare nell’ambito del processo produttivo. Inoltre adotterà tutte quelle che vengono definite le Bat (Best available technology), le migliori tecnologie che consentono di minimizzare gli impatti dell’attività sia dal punto di vista della ambientale ma anche per quanto riguarda il consumo delle risorse; quindi, parliamo di consumo di energia elettrica, perché gli impianti di ultima generazione hanno tutta una serie di impianti per minimizzare gli sprechi”. E ancora: “Avrà una maggiore efficienza dal punto di vista della resa, quindi consentirà di ottenere delle performances migliori del processo riducendo i consumi di materie prime e, per quanto riguarda il discorso ambientale, è un impianto pensato con tutti gli accorgimenti che servono per ridurre l’impatto di polveri, di immissioni di fumi, vapori, micro inquinanti. Ci sarà tutto quello che la tecnologia mette a disposizione di un’attività industriale come quella delle fonderie per poter lavorare compatibilmente con le esigenze di tipo ambientale”.

Il restyling

L’attuale area che ospita l’impianto, invece, cambierà volto grazie ai progetti firmati dagli architetti Guido Falcone e Donato Cerone. Dopo la sua totale bonifica e riqualificazione, in via Dei Greci sorgeranno nuove residenze, un centro commerciale, due piazze, un asilo nido e anche una scuola materna.

Potrebbe interessarti

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Grosso serpente sul lungomare di Salerno: l'appello dei cittadini

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Piano per rapinare un commerciante di Angri, ai domiciliari uno della banda

I più letti della settimana

  • Allerta meteo in Campania, le previsioni nel salernitano

  • Suicidio a Capaccio, 53enne si impicca con un foulard

  • Incidente sull'A2 del Mediterraneo, all'altezza di San Mango: 5 feriti di cui uno grave

  • Lutto a Mercato San Severino: il giovane Enzo muore in un incidente in Abruzzo

  • Si accoltella alla gola e poi si lancia in un dirupo: soccorso giovane a Salerno

  • Sorpresi a fare sesso sulla spiaggia, due turisti scambiati per residenti di Ravello

Torna su
SalernoToday è in caricamento