Fonderie Pisano: richiesto il rito abbreviato, conclusione a gennaio

Il processo è stato calendarizzato e la sua conclusione, salvo imprevisti, è attesa a gennaio 2020. Il commento del Codacons

Richiesto il rito abbreviato, all'udienza preliminare delle Fonderie Pisano che si  è tenuta stamattina, dinanzi alla dottoressa Maria Zambrano.  Il processo è stato calendarizzato e la sua conclusione, salvo imprevisti, è attesa a gennaio 2020.

La richiesta

Nel corso dell’udienza, tutti gli imputati (Guido, Roberto, Ciro e Ugo Pisano, Antonio Setaro e Luca Fossati) hanno richiesto di procedere con rito abbreviato, non incontrando alcuna opposizione delle parti civili.

L'amarezza del presidente Lorenzo Forte (Salute e Vita):

Dobbiamo constatare con amarezza che oggi, ultimo giorno utile per formalizzare la Costituzione di Parte Civile da parte della Regione Campania e nonostante le rassicurazioni del Vice Presidente nonché assessore regionale all'ambiente Bonavitacola, il Presidente De Luca ha perso l'occasione di schierarsi dalla parte della popolazione avvelenata dalle Fonderie Pisano. Sottolineiamo che si tratta dell'unico Ente della filiera Istituzionale che non si è schierato, mancando clamorosamente la costituzione nel processo di Parte Civile, a differenza dei Comuni di Pellezzano, Salerno, Baronissi e del  Ministero dell'Ambiente. Esprimendo la speranza che nei prossimi mesi avremo Giustizia, con una condanna degli imputati, confermiamo la nostra determinazione ad andare avanti. Noi non ci fermiamo, #stopfonderiepisano, vogliamo avere il diritto a vivere e a respirare un aria pulita!!!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento dell'avvocato del Codacons, Matteo Marchetti

“Importante è stato il lavoro del Codacons che fin da subito si è mobilitato per permettere ai cittadini la difesa dei loro diritti. La costituzione di 46 parti civili è stato un considerevole passo in avanti che, ci auguriamo, servirà ad accertare le eventuali responsabilità degli imputati e a far luce su questo grave caso di inquinamento ambientale, dal Codacons ampiamente denunciato. L’ammissione del Codacons in quanto parte civile nel processo penale riconosce l’opera della nostra associazione che ha dato impulso alla denuncia di questi ed altri problemi ambientali che affliggono la nostra regione e che, da anni, lavora su scala nazionale affinché la salubrità dell’ambiente diventi un obiettivo di comune interesse”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

Torna su
SalernoToday è in caricamento