Via Luigi Guercio, sorprese con attrezzi da scasso: denunciate

Due donne rom provenienti dal campo nomadi di Secondigliano sono state sorprese dai poliziotti in possesso di arnesi da scasso: visti i loro precedenti sono state denunciate

Erano entrambe in stato di gravidanza eppure i poliziotti della questura di Salerno le hanno sorprese, in via Luigi Guercio, in possesso di arnesi da scasso, nel dettaglio un grosso cacciavite e alcuni pezzi di plastica trasparente, solitamente utilizzati per aprire le porte chiuse senza mandata, allo scopo di mettere a segno furti in appartamenti. Due donne rom provenienti dal campo nomadi di Secondigliano, N. J. 20 anni e K. J. 19 anni, sono state quindi denunciate dai poliziotti per possesso di arnesi atti allo scasso.

Il materiale è stato posto sotto sequestro mentre le due donne, in considerazione dei precedenti di polizia a loro carico per analoghi reati contro il patrimonio, sono state anche munite del foglio di via obbligatorio dal comune di Salerno, con divieto di ritorno per due anni.

 




 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Colpo in un supermercato di via Trento, caccia ai due rapinatori

    • Cronaca

      Carabinieri arrestano il rapinatore del supermercato di Eboli

    • Cronaca

      Rapina a Torrione: "Tuo figlio ha fatto un incidente", poi le rubano la borsa

    • Meteo

      Regione Campania, allerta meteo dalla mezzanotte: il bollettino

    I più letti della settimana

    • Spaccio e rapine, sgominate 5 bande criminali: arrestati i "signori della droga"

    • Apre un nuovo McDonald’s a Salerno, al via la selezione di 30 persone

    • Far west ad Eboli: spuntano mazze di ferro e coltelli davanti alle bancarelle

    • Via Posidonia, precipita dal 5° piano: 42enne morto sul colpo

    • Vietri sul Mare, scomparso nel nulla il violinista Mimmo Giordano

    • Colpito dalla scarica elettrica di un impianto Enel: giovane muore sulla Lungoirno

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento