Allaccio abusivo alla rete pubblica: nei guai 81enne di Positano

A conclusione di un servizio di perlustrazione in località Annunziata, con il supporto dei tecnici dell’Ausino, i carabinieri hanno scoperto un complesso allaccio abusivo alla rete pubblica dell’acqua

Truffava il comune rubando acqua potabile dopo un allaccio abusivo alla rete pubblica: è stato arrestato un 81enne di Positano, come riporta Il Vescovado. A conclusione di un servizio di perlustrazione in località Annunziata, con il supporto dei tecnici dell’Ausino, i  carabinieri hanno scoperto un complesso allaccio abusivo alla rete pubblica dell’acqua, composto da tubature in ferro ed alluminio attraverso le quali L.G., già noto per questa “condotta”, era riuscito a indirizzare la tubazione verso la propria abitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sequestro

Una vera e propria deviazione alla condotta pubblica da cui partivano 330 metri totali di tubature che raggiungevano l’abitazione e tutti i fondi agricoli limitrofi di proprietà dell’anziano. Chiuso l’allaccio, i militari hanno sequestrato tutta l’attrezzatura utilizzata per l’installazione dell’allaccio abusivo. L'anziano è finito nei guai.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a San Cipriano Picentino, uomo si impicca nel cimitero

  • Torna lo spettro del Covid-19 a Salerno città, la denuncia del Comitato San Francesco e l'appello di Polichetti

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • Covid-19: positiva una dipendente bancaria a Salerno

  • Covid-19 alla gelateria Buonocore, il titolare: "Abbiamo chiuso per tutelare i clienti"

  • Covid-19, altri 7 contagi in Campania: i dati del bollettino

Torna su
SalernoToday è in caricamento