Sessismo nel calcio, Annalisa Moccia torna in campo: applausi e fiori

Intanto, la guardalinee su Facebook: "Non è semplice spiegare cosa si prova quando si scende in campo. Perché lo fai? Passione? Prima però c'è il sudore, quello che ogni santo giorno perdi per essere sempre al meglio della condizione"

Torna in campo,  Annalisa Moccia, guardalinee della sezione di Nola finita sulle cronache nazionali e, addiruttura sul New York Times e la FIFA, il più importante organismo calcistico al mondo, dopo essere stata bersaglio delle accuse sessiste rivoltele dal giornalista di Agropoli, Sergio Vessicchio durante il match Agropoli – Sant’Agnello, una settimana fa. Dopo essere stata accolta da un applauso, l’amministrazione comunale di Castellabate, la Polisportiva, la Virtus Avellino e l’associazione Fidapa, le hanno regalato un mazzo di fiori per manifestare solidarietà dopo l'increscioso episodio.

Intanto la stessa guardalinee 28enne ha espresso un pensiero su Facebook, conquistando innumerevoli like:

Non è semplice spiegare cosa si prova quando si scende in campo. Perché lo fai? Passione? Prima però c'è il sudore, quello che ogni santo giorno perdi per essere sempre al meglio della condizione. Passione tanta, che ti portano a superare tanti limiti, fisici prima di tutto. Determinazione? Quella che hai quando decidi che non sarà un infortunio a fermarti. Coraggio? Di stare lì, in un pezzettino di campo verde, e sentirti protetta, di non aver paura di niente, di imparare dagli errori e di rialzarti quando pensi che sia finita. Quando si scende in campo c'è questo e altro. Oggi, a prescindere da tutto e da tutti, sei e sarai IL MIO TUTTO!!!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Sta per aprire "Mizzica": degustazioni siciliane nel centro di Salerno

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

Torna su
SalernoToday è in caricamento