Scafati, incidente in vacanza poi la morte dopo 2 mesi: 10 indagati

Dieci le persone indagate, tra medici e infermieri, tutti in servizio presso l’ospedale "Mauro Scarlato" di Scafati. Sullo sfondo la morte di Dario Salvati, 63enne scafatese, coinvolto in un incidente stradale a Catanzaro il 5 luglio scorso

Mentre era in vacanza con la famiglia fu vittima di un incidente. Da lì il ricovero, in due ospedali, fino al decesso. Avvenuto due mesi dopo quel sinistro. Ora la procura di Nocera Inferiore ha aperto un’indagine. Dieci le persone indagate, tra medici e infermieri, tutti in servizio presso l’ospedale "Mauro Scarlato" di Scafati. Sullo sfondo la morte di Dario Salvati, 63enne scafatese, coinvolto in un incidente stradale a Catanzaro il 5 luglio scorso.

L'incidente

L’uomo viaggiava a bordo della sua auto con moglie e due nipoti. Era diretto a Lamezia Terme. Mentre guidava, l’auto, una Dacia, fu colpita in pieno da un altro mezzo. Questa seconda auto, in realtà, secondo la ricostruzione della dinamica dell’incidente, aveva impattato con un’altra vettura. Il risultato fu una carambola, con l’invasione della seconda auto sulla corsia dove viaggiava la vittima, colpita inaspettatamente. Dario Salvati fu soccorso velocemente, con il trasferimento all’ospedale di Catanzaro. Era ancora cosciente, secondo la denuncia. Poi fu trasferito a Scafati, sempre in ospedale. La prognosi registrata fu di trenta giorni. 

L'indagine

Il decesso arrivò dopo tempo, con la contestuale denuncia della famiglia e l’apertura di un fascicolo. Nei prossimi giorni, il sostituto procuratore Viviana Vessa darà il via per l’autopsia. Sono dieci le persone indagate con l’ipotesi di omicidio colposo. Medici ed infermieri che hanno avuto a che fare con il paziente. Bisognerà stabilire in primis in che modo è stato curato l’uomo. E se le ferite riportate, dopo l’incidente, abbiano in un qualche modo provocato o solo fatto da concausa al decesso. Avendo trascorso gran parte del suo ricovero nell’ospedale di Scafati, la procura ha disposto il sequestro della cartella clinica del paziente, identificando il personale che ha curato e assistito l’uomo. Ora l’indagine, in una fase preliminare, che dovrà chiarire se la morte dell’uomo sia da ricollegare ad un presunto caso di malasanità. La famiglia, nella denuncia presentata in procura, ha esposto tutti i fatti degli ultimi mesi, l’iter medico al quale è stato sottoposto il proprio caro, chiedendo la verità su quanto accaduto a distanza di due mesi da quei fatti.     

Potrebbe interessarti

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Grosso serpente sul lungomare di Salerno: l'appello dei cittadini

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Piano per rapinare un commerciante di Angri, ai domiciliari uno della banda

I più letti della settimana

  • Allerta meteo in Campania, le previsioni nel salernitano

  • Suicidio a Capaccio, 53enne si impicca con un foulard

  • Incidente sull'A2 del Mediterraneo, all'altezza di San Mango: 5 feriti di cui uno grave

  • Lutto a Mercato San Severino: il giovane Enzo muore in un incidente in Abruzzo

  • Si accoltella alla gola e poi si lancia in un dirupo: soccorso giovane a Salerno

  • Sorpresi a fare sesso sulla spiaggia, due turisti scambiati per residenti di Ravello

Torna su
SalernoToday è in caricamento