Inquinamento, sequestrato l'impianto di cremazione a Montecorvino Pugliano

L’irruzione è scattata lunedì mattina per verificare l’eventuale esistenza di fumi inquinanti e il corretto smaltimento dei rifiuti

I carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico hanno sequestrato l'impianto di cremazione a Montecorvino Pugliano. L’irruzione è scattata lunedì mattina per verificare l’eventuale esistenza di fumi inquinanti e il corretto smaltimento dei rifiuti. In particolare gli inquirenti vogliono capire in che modo vengono trattate le ceneri dei defunti all’interno della struttura situata in località Gallara.

Un anno fa era stato il sindaco Gianfranco Lamberti a chiedere alle autorità competenti di verificare tutte le procedure per tutelare il rischio di inquinamento ambientale.

Potrebbe interessarti

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

  • Metrò del mare in Cilento: tutti gli orari

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli, dall’abito agli accessori

  • Serpente "a spasso" sotto agli Archi dei Diavoli: la segnalazione

I più letti della settimana

  • Muore a 8 mesi nell'ospedale di Nocera, la famiglia già attenzionata: fissata l'autopsia

  • Incidente tra Salerno e Baronissi, scontro tra auto e moto: muore noto anestesista

  • Muore a 8 mesi, il racconto choc della madre: "Ecco cosa le faceva mio marito"

  • Incidente tra Salerno e Baronissi: comunità sotto choc per la morte del dottor Maucione

  • Statale Amalfitana: noto avvocato si lancia giù dal burrone e muore: spunta una lettera

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

Torna su
SalernoToday è in caricamento