homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Attacco ad Arcigay a "Le notti dell'Aspide", Sannino difeso in massa

"Vergognati, sai che siamo in Italia?": questa una delle provocazioni rivolte al presidente Arcigay, Antonello Sannino che, tuttavia, è stato difeso dall'intera comunità di Roccadaspide

Banchetto Roccadaspide

"Vergognati, sai che siamo in Italia? l'Italia è un paese civile, il sindaco non deve permettere questo schifo!": questa la provocazione verbale lanciata al presidente di Arcigay Salerno, Antonello Sannino, venerdì scorso, mentre allestiva uno stand in occasione de "Le notti dell'Aspide". A raccontare l'accaduto, proprio Sannino: "A Roccadaspide stavo preparando lo stand di Arcigay, quando mi si è avvicinato un signore che, guardando la bandiera di Arcigay, dopo avermi urlato contro, invitandomi a vergognarmi, al mio ricordargli che l'Italia per fortuna non è l' Iran, ha iniziato ad agitarsi e con uno sguardo cattivo, mi ha minacciato di distruggere lo stand con me all'interno".

Immediatamente, i cittadini presenti, udendo le parole del tale, lo hanno allontanato, sottolineando come l'incivile fosse proprio lui. "Non avevo mai visto tanto odio, completamente immotivato, negli occhi di una persona: sembrava che gli avessi distrutto l'auto o ammazzato il figlio - continua Sannino -  Ma il fatto che non ho dovuto chiamare le forze dell'ordine, in quanto la gente comune, anche persone anziane, in un piccolo paese del Cilento, ha isolato questo signore incivile, mi ha fatto capire che siamo nella direzione giusta, che questo Paese sta cambiando, che la gente, nelle grandi città, cosi come nei piccoli centri, finalmente ha deciso di voler vivere in uno stato laico ed accogliente, democratico e civile. Entrare nei piccoli centri, comunicare con la gente, esserci, sempre comunque, questo è il nostro Pride - ha concluso, soddisfatto, il presidente - un Pride che dura tutto l'anno".

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Battipaglia: proclamata la giunta comunale, la Francese non si ferma

    • Cronaca

      Violenza sessuale a San Valentino Torio, i 5 minori in carcere a Nisida

    • Incidenti stradali

      Scontro tra auto e moto a Pellezzano: ferita una ragazza

    • Cronaca

      Fonderie Pisano, due interventi ad opponendum contro il ricorso Aia

    I più letti della settimana

    • Ragazza violentata, lo sfogo della madre: "Ecco cosa le hanno fatto"

    • Stupro a San Valentino Torio, la vittima: "Mi sono fidata di un mostro"

    • Colto da malore in auto: muore a 42 anni il figlio di Raimondo Pasquino

    • Giro di nomine nelle chiese salernitane: ecco i nuovi parroci

    • Dramma a Torrione, trovato il cadavere di un 41enne in mare

    • Ragazzina violentata dal branco a San Valentino Torio: arrestati cinque minori

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento