Morto travolto da 90 metri cubi di terreno, giustizia dopo 18 anni

Sullo sfondo la morte di Vito Gregorio, il 6 giugno del 2000, travolto da 90 metri cubi di terreno mentre venivano realizzate le condotte fognarie nel comune

Morte sul lavoro, dopo 18 anni una famiglia di Laurino ottiene giustizia. Bisogna tornare indietro al 6 giugno del 2000, quando Vito Gregorio,  60enne di Laurino, fu travolto da 90 metri cubi di terreno mentre venivano realizzate le condotte fognarie nel comune. Il 15 dicembre del 2008, il tribunale di Vallo della Lucania emise sentenza di prescrizione, alla quale si opposero le parti civili e la procura generale presso la Corte di Appello di Salerno.

I fatti

Gli imputati, quattro, furono poi assolti in secondo grado. Ma la Cassazione annullò la sentenza, trasmettendo gli atti alla Corte di Appello di Napoli, che condannò tutti gli imputati a due anni di reclusione ciascuno. Era stato proprio uno di loro a fare ricorso in Cassazione, rinunciando alla prescrizione, ma la Suprema Corte ha dichiarato il ricorso inammissibile, confermando dunque le condanne inflitte in secondo grado. Per chiudere il processo ci sono voluti diciotto anni. Sotto processo erano finiti quattro imprenditori che avevano visto aggiudicarsi la gara d'appalto per la realizzazione della rete fognaria. La famiglia della vittima era assistita dai legali Antonio De Paola ed Antonio Gnazzo

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Salerno, perde il controllo della moto e cade: morto 16enne

  • La prof fa l'appello e viene sbeffeggiata dagli studenti: il caso a Salerno

  • Lutto nella movida, dolore e commozione per i funerali di Enzo

  • Salerno, alunni vessati in classe: docente allontanata dalla scuola

  • Choc a Santa Maria di Castellabate: trovato un cadavere in spiaggia

  • Incidente in via Croce, muore il giovane Vittorio Senatore: Cetara a lutto

Torna su
SalernoToday è in caricamento