Lavoratori in nero, due clandestini: chiuse attività commerciali nel Salernitano

I funzionari dell’Ufficio Ispettorato territoriale del lavoro hanno applicato maxi-sanzioni pecuniarie amministrative e adottato la sospensione delle attività d’impresa. Denunciati i responsabili

Alcuni funzionari dell’Ufficio Ispettorato territoriale del lavoro di Salerno hanno ispezionato due attività di ristorazione della provincia. All’esito degli accertamenti è stato rilevato l’utilizzo di 8 lavoratori in nero, 3 di nazionalità italiana e 5 di nazionalità extracomunitaria.

La scoperta

Due di loro erano anche sprovvisti di permesso di soggiorno e quindi presenti clandestinamente sul territorio italiano. I funzionari hanno cosi applicato maxi-sanzioni pecuniarie amministrative e adottato la sospensione delle attività d’impresa. Denunciati i responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ceraso e Montano Antilia: stop a eventi e chiusura dei negozi

  • Coronavirus: nuove indicazioni ministeriali in Campania, parlano i sindaci salernitani

  • "Non comunicano i loro rientri dal Nord": la denuncia dei salernitani e l'appello di un cittadino "autoisolato"

  • Malore per una ragazza asiatica a Salerno, tensione nei pressi del Vestuti

  • Coronavirus, De Luca ha deciso: "Scuole chiuse in Campania"

  • Allerta Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole: la mappa dei comuni

Torna su
SalernoToday è in caricamento