homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Mare sporco a Salerno e in Campania, il commento di Legambiente

Goletta Verde boccia senza mezzi termini la regione Campania: in provincia di Salerno è "non conforme" il 57% dei controlli nei depuratori svolti nel 2011

Immagine di repertorio

Goletta Verde di Legambiente boccia il mare della Campania: per il territorio regionale c'è un campione irregolare di acque ogni 34 chilometri di costa. I prelievi effettuati dall'associazione ambientalista, si apprende, hanno evidenziato 14 prelievi fuori norma su 20 totali, appunto 1 ogni 34 chilometri di costa. Un risultato che porta la Campania al terzo posto in Italia dietro la Calabria e la Liguria.

Sul banco degli imputati, riferisce Legambiente, la mancata o inadeguata depurazione dei reflui fognari che, stando alle elaborazioni di Legambiente su dati Istat, dipingono una regione dove circa un milione di abitanti equivalenti (considerando anche la popolazione non residente, i pendolari, i turisti e l'inquinamento organico prodotto dalla micro industria) non sono serviti da un sistema di depurazione efficiente. Si tratta del 17% della popolazione equivalente della Campania i cui reflui o non sono trattati oppure vengono depurati in modo non adeguato, cioé senza il trattamento secondario e terziario (sistemi aggiuntivi che consentono una depurazione completa degli scarichi fognari rispetto alla sola grigliatura iniziale e alla sedimentazione primaria).

Per quanto riguarda la provincia di Salerno, secondo il presidente regionale Michele Buonomo si tratta di "una stagione estiva senza precedenti, con continue segnalazioni di casi di inquinamento di rifiuti solidi a mare anche da zone, vedi Cilento, sempre esenti da queste situazioni di inquinamento. Non sono più tollerabili rinvii, sottovalutazioni, indifferenze. Si sta mettendo a rischio l'economia turistica, il vero petrolio della nostra regione". In provincia di Salerno, "dove sono operativi circa 200 impianti di depurazione, su 74 controlli svolti nel 2011 il 57% è risultato non conforme" ha aggiunto il presidente regionale di Legambiente. 

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Case e scuole a rischio crollo: ecco la mappa della provincia di Salerno

    • Cronaca

      San Matteo, torna il sereno tra portatori e parrocchie: la statua girerà nei quartieri

    • Cronaca

      Coltivava piante di marijuana vicino l'autostrada: arrestato 51enne

    • Incidenti stradali

      Scontro tra auto e furgone sull'A3, muore una 51enne: due feriti in ospedale

    I più letti della settimana

    • Cede la ringhiera del lungomare Trieste di Salerno: in tre cadono sugli scogli

    • Scuole anti-sismiche, dati choc del Miur: ecco quelle a rischio

    • Si ferma in autostrada per riposare, famiglia travolta da un'auto: muore 46enne

    • Palinuro, si cerca il corpo del terzo sub: le prime ipotesi sull'accaduto

    • Rientra l'allarme a Sant'Eustachio: fiamme sulla collina domate all'alba

    • Tragedia di Palinuro, l'autopsia conferma: i due sub morti per annegamento

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento