Maric e Salernitana, raccolta fondi per la "Casa della Cultura" di Accumoli

Ieri sera cena di beneficenza al Casolare di Pellezzano. Il sindaco Petrucci: "Grazie a tutta la comunità di Salerno”

La cena

Una gara di solidarietà ha visto ieri sera protagonisti i calciatori della Salernitana, il direttore sportivo Angelo Fabiani e le tante persone che hanno partecipato alla cena di beneficenza organizzata dal M.A.R.I.C. (Movimento artistico per il recupero delle identità culturali) presso l'agriturismo "Il Casolare" di Pellezzano.

L’iniziativa

Sono stati raccolti 2.600 euro per sostenere il progetto della costruzione della Casa della Cultura ad Accumoli, un centro polifunzionale per i giovani nel comune colpito dal terremoto. Grande la generosità del direttore Fabiani e dei calciatori granata che hanno partecipato attivamente all’asta di beneficenza, mettendo a disposizione palloni e maglie autografati ed offrendo il loro personale contributo per questa importante causa, facendo un regalo ai piccoli tifosi presenti. Felicissimi i tanti tifosi granata che hanno potuto condividere questo momento di solidarietà con i loro idoli portando a casa i loro ricordi firmati.

I commenti

Soddisfatto il sindaco Accumoli Stefano Petrucci, che è intervenuto telefonicamente nel corso della serata: “So che Salerno ormai è con noi, il nostro ormai è diventato un simposio. Ringrazio il direttore Angelo Fabiani che per noi è stato sempre un punto di riferimento da quando è successa questa tragedia che ha colpito i nostri territori, ringrazio il Maric che ha avuto per noi grande attenzione volendo costruire la casa della cultura qui ad Accumoli, ringrazio tutta la società sportiva US Salernitana, i giocatori presenti, la comunità di Salerno e tutti voi partecipanti alla serata per dare a noi questa opportunità di ricostruire e veder ricrescere la nostra comunità. Grazie a tutti.”

Emozionato il direttore granata Fabiani: “Per capire bene cosa si provi in quelle zone bisogna andarci, sappiamo quanto sia importante per queste persone sentire la presenza della gente, non sentirsi soli. Serate come questa siano da stimolo per il futuro, per costruire un impianto permanente, una palestra, una sala culturale. Ringrazio i calciatori che stasera avrebbero potuto rompere le righe e andare a casa ma sono venuti con piacere. Grazie a tutti voi che stasera ci fate sentire partecipi, vivi e con la possibilità di dare qualcosa a chi è in difficoltà, sicuramente faremo un’altra manifestazione, una partita, come accadde per Amatrice. Siamo e saremo sempre presenti, lo sport può fare tanto per la solidarietà e per la beneficenza. Petrucci è un grande uomo, sempre ‘a fari spenti’, al quale va il nostro sostegno e il nostro applauso” 

Gli ha fatto eco il fondatore del movimento M.A.R.I.C Vincenzo Vavuso: “Ringrazio il direttore Fabiani, l’US Salernitana, i calciatori presenti, Franco Bruno Vitolo, il club Mai Sola, il Casolare e tutti coloro i quali hanno partecipato stasera con la loro grande generosità. La Salernitana risponde sempre presente a queste iniziative e il M.A.R.I.C. è onorato di questa collaborazione. Il traguardo della Casa della cultura è vicino e il nostro impegno proseguirà intenso fino al suo raggiungimento.”

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapina alla sala slot, addetto aggredito con un cacciavite: scatta il fermo per un 29enne salernitano

  • Cronaca

    Muore per infarto a 36 anni: identificato il cadavere trovato ad Eboli, lutto a Castellabate

  • Cronaca

    Cremonese-Paganese, ansiolitico ai compagni di squadra: chiesta condanna per Paoloni

  • Cronaca

    Buccino, furto in un'abitazione: ladri in fuga

I più letti della settimana

  • Corruzione a Salerno: arrestati il direttore dell'Agenzia delle Entrate, l'imprenditore La Marca e un ex affiliato al clan Maiale

  • Neonata salernitana muore al Santobono, madre condannata per omicidio

  • Rapina a mano armata al tabacchi di via Conforti: ferito il titolare, bottino di 1000 euro

  • Giovane malmenato al Modo, il capo dei buttafuori: "Ecco perchè sono intervenuti"

  • Muore per infarto a 36 anni: identificato il cadavere trovato ad Eboli, lutto a Castellabate

  • Giovane malmenato dai buttafuori: il Questore sospende il "Modo" per 15 giorni

Torna su
SalernoToday è in caricamento