Mercato di via Piave, presentati i lavori: dureranno 6 mesi

Stamattina l'area è diventata cantiere. Presenti, tra gli altri, il governatore De Luca, il sindaco Napoli, l'assessore comunale Loffredo. Non potrà più essere adibita a parcheggio auto. Mercatali spostati in piazza Casalbore

Il nuovo mercato rionale di via Piave sarà pronto tra sei mesi: alla ditta appaltratrice occorreranno centottanta giorni consecutivi, a partire da oggi, giovedì 16 gennaio, per coprirlo, recintarlo, restituire decoro all'area, a cominciare dalla cura degli alberi e dalla pavimentazione. Ogni operatore mercatale avrà il proprio punto di approvvigionamento idrico; la sicurezza sarà garantita dal presidio permanente dei vigili urbani, che dovranno tenere d'occhio anche piazza San Francesco. L'operazione restyling è partita stamattina, alla presenza tra gli altri del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, del sindaco di Salerno Enzo Napoli, dell'assessore al commercio Dario Loffredo.

Lo spostamento

I 47 operatori mercatali impegnati a via Piave sono stati spostati al momento in piazza Casalbore, ai piedi dello stadio Vestuti. "Lì facciamo ancora in tempo - ha detto De Luca - a costruire due piani di parcheggio interrato. Era una vecchia idea che si è incagliata sulla difficoltà dei rapporti con la Soprintendenza. La semplificazione urbana in Italia è diventata un'avventura, anzi un calvario infinito, solo per avere pareri. Se si riprende questo discorso, la Regione può dare una mano". Nel frattempo, il mercato è in pieno fermento in zona Vestuti. L'area diventa parcheggio in orario pomeridiano, attivo dalle ore 16 alle 6. Non potrà più esserlo, invece, via Piave: la legge regionale impedisce commistione tra auto e vendita di prodotti alimentari. I posti parcheggio, dunque, saranno persi. L'amministrazione comunale, attraverso una ricognizione generale e la tracciatura di strisce blu "a monte", potrebbe ricavare una ventina di posti auto supplementari. 

Il progetto e lo scenario

Il mercato rionale di via Piave "sarà coperto e recintato - ha spiegato l'assessore al commercio Dario Loffredo - con un muretto perimetrale di 40 centimetri e sopra una ulteriore parete di due metri. Ogni venditore avrà il suo punto idrico e saranno rifatti i bagni. Saranno messi in sicurezza gli alberi pericolanti, nel rispetto e tutela dell'ambiente. L'intervento di riqualificazione prevederà copertura totale del mercato non solo per proteggere i venditori dalle intemperie ma anche per consentire una bella passeggiata agli avventori". "Finalmente la posa della prima pietra - ha aggiunto il sindaco di Salerno Enzo Napoli - Sarà un mercato gradevole, dovrà essere gestito con attenzione e civiltà. Sarà un luogo festoso. Il mercato all'interno di un nucleo urbano dà carattere di umanità e bellezza al contesto che lo ospita. Però deve essere gestito bene e  con civiltà dei costumi. Insieme al Comitato San Francesco abbiamo osservato in via preliminare il progetto e lo abbiamo presentato ai residenti: ci sono le planimetrie a disposizione di tutti. Andiamo incontro alle esigenze del quartiere". Un aspetto che ha rimarcato anche il governatore De Luca: "Dovevamo fare i conti con alcune criticità - ha aggiunto - La prima era legata al rapporto tra gli operatori mercatali e i residenti, perché qualcuno degli operatori non aveva accortezza di posizionare il proprio stand lontano dalle finestre, che sono al piano terra. I residenti, molti dei quali anziani, si ritrovavano murati in casa già alle cinque del mattino, con il frastuono dei mezzi di trasporto e del montaggio. Pure i mercatali hanno fatto un sacrificio. Negli anni, abbiamo dovuto capire se disporre di un'area mercatale vera e propria o se lasciare tutto in via Piave, senza delocalizzare. Abbiamo deciso di tenere il mercato qui, in questo contesto urbano, però poi va attrezzato. Il progetto risponde a tutte queste esigenze. Saranno necessari più controlli anche nella vicina piazza San Francesco, in ragione di presenze non sempre civili: di sera c'è varia umanità, c'è anche un po' di spaccio di droga".

il bando

Vincenzo De Luca ha anche ricordato che "la Regione Campania ha fatto partire un bando di aiuti ai commercianti e per la prima volta anche ai venditori ambulanti. Dal 2 febbraio al 3 marzo sarà possibile fare domanda per accedere ai contributi fino a 25mila euro individuali per riqualificare le proprie attività. Verrà data una mano agli operatori commerciali che in questi dieci anni hanno vissuto tra mille difficoltà".  Presente il presidente Anva Aniello Ciro Pietrofesa: "Grazie alla Regione Campania - ha detto - la prima che riconosce gli ambulanti quale categoria imprenditoriale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Paura a Battipaglia, rapinato un supermercato: donna ferita

Torna su
SalernoToday è in caricamento